Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SCENARI

PA digitale, Santoni (Cisco Italia): “Cittadini e territori al centro dell’innovazione”

Il numero uno dell’azienda a Forum PA 2018: “Essenziale il ruolo delle amministrazioni locali nella ‘messa a terra’ di progetti allineati con le diversità e le necessità locali”. Sul fronte competenze: “Serve attivarsi per la riqualificazione di cittadini e lavoratori”

22 Mag 2018

“La trasformazione digitale dei processi e delle piattaforme della PA che è stata avviata negli ultimi anni deve procedere sempre più speditamente, puntando alla semplicità e all’apertura per facilitare imprese e cittadini nell’accesso alle opportunità del digitale. In questo percorso le amministrazioni locali hanno il ruolo essenziale di ‘mettere a terra’ l’innovazione in progetti allineati con le diversità e le necessità locali”. Lo ha detto Agostino Santoni, amministratore delegato di Cisco Italia al convegno Quale PA per quale paese? che ha aperto Forum PA 2018.

Secondo Santoni “l’Italia ha bisogno di una pubblica amministrazione agile, che usi la tecnologia per creare piattaforme su cui offrire servizi digitali che mettano al centro i cittadini e i bisogni reali di ogni territorio”.

In questo senso però è basilare il fronte delle competenze:  “Il tempo per creare consapevolezza è finito. Oggi è urgente attivare un’azione capillare e veloce per fare in modo che tutti, nessuno escluso, abbiano le competenze digitali che servono a vivere pienamente in questo mondo che cambia: servono cittadini attivi, capaci di pungolare chi governa i luoghi in cui vivono, di collaborare all’innovazione con idee e partecipazione.  Questo significa agire in partenza, sui banchi di scuola, ma non solo: è centrale attivarsi anche sul tema della riqualificazione di cittadini e lavoratori che devono avere gli strumenti per affrontare cambiamenti profondi.  Per questo quando lavoriamo con le amministrazioni locali chiediamo loro sempre di affiancare alle iniziative che di volta in volta lanciamo anche iniziative legate alla formazione”.

La partecipazione di Cisco Italia come main partner a Forum PA è l’occasione per l’azienda di condividere quanto appreso e sperimentato, in particolare, negli ultimi due anni e mezzo, lavorando con numerose pubbliche amministrazioni locali italiane nel quadro di Digitaliani – il piano di investimento con cui Cisco ha messo a disposizione del paese 100 milioni di dollari per accelerare la digitalizzazione nel Paese.

E’ di pochi giorni fa il più recente, doppio annuncio: la Regione Liguria e il Comune di Genova hanno infatti siglato il 14 maggio un protocollo di intesa con Cisco per avviare iniziative legate alle esigenze dei loro territori: nello specifico con la Regione Liguria il punto centrale riguarda un supporto all’ammodernamento delle infrastrutture tecnologiche regionali mentre il Comune di Genova punta sull’innovazione nei servizi culturali e turistici. Tra gli altri progetti che vedono la collaborazione di Cisco con le amministrazioni locali italiane, anche “Safer Milan”, un servizio con il Comune di Perugia, lo “Smart City Living Lab” di Palermo, il protocollo di intesa, già rinnovato dopo i primi due anni, con la Regione Friuli Venezia Giulia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
agostino santoni
C
cisco
F
forum pa 20188

Articolo 1 di 5