Pc desktop, la curva torna in crescita: è la prima volta da inizio 2020 - CorCom

LE RILEVAZIONI

Pc desktop, la curva torna in crescita: è la prima volta da inizio 2020

Nell’area Emea, secondo Idc, nel 2021 si raggiungeranno i 95,8 milioni di device – inclusi notebook e workstation – pari a un aumento del 13,2% anno su anno. Il traino dalle politiche governative e delle imprese che stanno investendo in progetti di digitalizzazione

03 Set 2021

Veronica Balocco

Raggiungeranno quota 95,8 milioni le spedizioni Emea di pc tradizionali (desktop, notebook e workstation) nel 2021, con una crescita del 13,2% su base annua e un incremento nel mercato dei desktop per la prima volta dal primo trimestre del 2020. Lo afferma una ricerca di International data corporation (Idc), che nel dato include le 24,1 milioni di spedizioni di pc (+11,4% su base annua) nel terzo trimestre del 2021. Ciò può essere attribuito alla domanda in corso sia nel mercato dei consumatori sia in quello commerciale e al soddisfacimento degli arretrati.

In Europa occidentale, si prevede che il mercato commerciale cresca del 24,8% a/a nel terzo trimestre del 2021 e del 2,9% a/a nel quarto trimestre del 2021. Questa continua crescita può essere vista in una ripresa sul lato desktop, in base ai casi d’uso in tutti i segmenti. Per quanto riguarda i notebook, si prevede che la domanda rimarrà notevole man mano che i progetti di digitalizzazione e i metodi di lavoro ibridi si consolidano.

Crescita sostenuta da governi e imprese

La seconda metà del 2021 porterà una crescita continua nel mercato dei pc e, mentre si prevede una forza sostenuta dei notebook, si prevede una crescita nel mercato dei desktop per la prima volta dal primo trimestre del 2020″, ha affermato Simon Thomas, analista di ricerca, Idc Western Europe Personal Computing . “La crescita sarà principalmente guidata dai governi e dalle imprese, che equipaggeranno i loro dipendenti quando torneranno in ufficio e investiranno in progetti di digitalizzazione. Questa crescita prevista arriva nonostante i problemi di fornitura dei componenti in corso, che dovrebbero continuare anche nel 2022″.

WHITEPAPER
Distance Selling: come trasformare il New Normal in una straordinaria opportunità di crescita

Notebook in testa nel mercato consumer

Si prevede che il mercato dei consumatori dell’Europa occidentale vedrà il suo sesto trimestre consecutivo di crescita a due cifre nel terzo trimestre del 2021 (+10,3% su base annua). Questo segna un altro trimestre di crescita sostanziale oltre a una solida performance del 2020, poiché il terzo trimestre del 2020 ha visto una solida performance dei consumatori. Il mercato consumer sarà guidato dalle prestazioni dei notebook, che dovrebbero registrare una crescita del 12,9% su base annua. Questo sarà il risultato del continuo passaggio a un dispositivo per persona. Si prevede che i desktop diminuiranno (-1,8% su base annua), poiché la fine dei blocchi reprime la domanda di gioco, dopo forti spedizioni mentre i consumatori sono rimasti bloccati in casa.

Il mercato dei pc nelle regioni Cee e Mea dovrebbe registrare performance rispettivamente di +0,8% YoY e -1,5% YoY. Per l’intero anno del 2021, la regione Cee dovrebbe crescere dell’8,9% su base annua e la regione Mea dovrebbe crescere del 9,6% su base annua.
Si prevede che la regione Cee spedirà 4,5 milioni di unità nel terzo trimestre del 2021, con la ripresa delle imprese che dovrebbe essere il principale motore delle spedizioni, mentre l’istruzione rallenta dopo un forte 2020. La regione Mea dovrebbe vedere 3,3 milioni di unità spedite, con la maggior crescita significativa proveniente dalla domanda delle imprese e dei governi.

Indagine di Context: tengono le vendite di notebook per l’education

Una parallela indagine di Context, società di intelligence di mercato It, intanto, rivela che le vendite  di notebook per l’istruzione attraverso i maggiori distributori dell’Europa occidentale sono aumentate del +38% su base annua nel secondo trimestre del 2021, poiché la domanda da parte di istituzioni e famiglie è rimasta elevata. “L’aumento delle vendite di notebook destinati all’istruzione è stato inferiore rispetto ai trimestri precedenti, durante i quali sono stati completati una serie di importanti accordi istituzionali”, ha affermato Marie-Christine Pygott, analista senior di Context. “Nonostante questa crescita più lenta, il volume venduto ai canali commerciali è cresciuto ancora del +53% e quello a rivenditori e retailer consumer del +20%”.

Il Regno Unito, il più grande mercato per le vendite dei distributori di notebook per l’istruzione, ha registrato un lieve aumento (+3% su base annua) del numero di unità vendute durante il secondo trimestre del 2021, dopo la crescita a tre cifre nei trimestri precedenti, quando i distributori fornivano dispositivi a incontrare una grande iniziativa di educazione pubblica. Sebbene ci siano stati piccoli cali in Italia e Francia nel secondo trimestre di quest’anno, questi Paesi hanno anche visto in precedenza forti aumenti delle vendite di laptop destinati all’istruzione. Spagna e Germania, il secondo e il terzo mercato più grandi, hanno registrato una crescita a tre cifre nel secondo trimestre del 2021.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3