LA SANZIONE

Privacy, la Francia multa Microsoft: 60 milioni per i cookies pubblicitari

La Commission nationale de l’informatique et des libertés ha sanzionato l’azienda per non avere permesso agli utenti il semplice rifiuto dei cookie sul suo motore di ricerca Bing: “Violata la direttiva e-Privacy”

Pubblicato il 22 Dic 2022

Microsoft

Microsoft nel mirino della Privacy francese. La Cnil (Commission nationale de l’informatique et des libertés) ha multato il colosso informatico americano per 60 milioni di euro per non aver permesso il semplice rifiuto dei “cookie” sul suo motore di ricerca Bing.

Si tratta della più grande multa comminata nel 2022 dall’autorità, che l’anno scorso aveva annunciato una campagna di controlli contro i siti che non rispettano le regole su questi web bug e aveva già inchiodato Google, Facebook e Amazon su questo tema. Il panel ristretto della Commissione ha inoltre imposto a Microsoft di modificare le sue pratiche sul sito “bing.com” entro tre mesi, pena il pagamento di una penale di 60.000 euro per ogni giorno di ritardo.

I motivi della sanzione

L’azienda è stata sanzionata perché gli utenti francesi del suo motore di ricerca Bing non potevano, fino al 29 marzo, rifiutare tutti i cookie senza passare attraverso un noioso processo di parametrizzazione. La Cnil ha inoltre individuato l’installazione di due cookie senza il consenso degli utenti di Internet, anche se venivano utilizzati per scopi pubblicitari. Per queste violazioni della direttiva europea ePrivacy, che è stata recepita nel diritto francese con la legge sulla protezione dei dati, l’autorità potrebbe imporre una multa fino al 2% del fatturato globale.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Nel suo comunicato stampa, la Cnil ha giustificato l’importo della multa “in base alla portata del trattamento (dei dati), al numero di persone interessate e ai benefici che la societa’ trae dai ricavi pubblicitari indirettamente generati dai dati raccolti dai cookie”. Il gigante della ricerca Google e il social network Facebook sono stati multati rispettivamente per 150 e 60 milioni di euro alla fine di dicembre 2021 per violazioni simili. Anche Google e Amazon sono stati multati alla fine del 2020 per non aver informato gli utenti sui cookie.

Cosa sono i cookies

I cookie sono frammenti di dati sugli utenti memorizzati sul computer e utilizzati per migliorare la navigazione. I cookie, anche conosciuti come cookie Http, web, Internet o del browser, vengono creati dal server e inviati sul browser. Lo scambio di informazioni consente ai siti di riconoscere il computer dell’utente e inviargli informazioni personalizzate in base alle tue sessioni.

La prima grande distinzione da fare riguardo ai cookie è se sono di prima o terza parte. I cookie di prima parte sono quelli che vengono salvati direttamente dal sito web che si visita: questi registrano informazioni come il numero di sessioni o di visualizzazioni di pagina. I cookie di terza parte, invece, possono essere trasmessi a un sito diverso da quello visitato.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Argomenti trattati

Aziende

C
cnil
M
Microsoft

Approfondimenti

C
COOKIES
F
francia
P
privacy

Articolo 1 di 4