Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INIZIATIVA

Svolta wearable, made in Italy i tecno-abiti per sport e lavoro

La Regione Emilia-Romagna mette in cantiere il progetto We Light. Obiettivo la realizzazione di capi ergonomici e sicuri integrati con sistemi microelettronici e sensori Iot. In campo Enea, Cnr, Università di Modena e Reggio Emilia

20 Nov 2019

L. O.

Lavoratori, ma anche ciclisti e runner: sono in arrivo i super-wearable, capi di abbigliamento dotati di sistemi elettronici, ottici e sensoristici, in grado di connettere chi li indossa all’ambiente esterno e garantire una maggiore sicurezza negli ambienti di lavoro e sulle strade. È questo l’obiettivo del progetto We Light (WEarable LighTing for smart apparels), finanziato dalla Regione Emilia-Romagna (attraverso il bando per progetti di ricerca industriale strategica). Tra i partner Enea, Università di Modena e Reggio Emilia, Cnr, Infn e il Laboratorio di Ricerca Industriale Mist E-R.

Così funziona l’abito smart

I sensori consentiranno sia di attivare fibre ottiche e Led per aumentare la visibilità di chi indossa il capo d’abbigliamento al variare della luminosità, sia di acquisire i dati delle prestazioni atletiche e della qualità dell’aria.

Con un’app sul proprio dispositivo mobile sarà poi possibile consultare i dati raccolti raccolti in un “archivio” open source e avere suggerimenti sui percorsi green per evitare le zone urbane dove la qualità dell’aria risulta peggiore.

“I capi accessoriati con questi toolkit innovativi – spiega Sergio Petronilli, Enea, Laboratorio Cross-Tec per Distretti Urbani e Industriali – saranno altamente funzionali e utili anche in altri settori della moda o negli ambienti di lavoro dove ad esempio consentiranno di segnalare agli operatori l’accesso in zone pericolose tramite l’attivazione automatica di fibre ottiche o Led anche in relazione alle condizioni dell’ambiente esterno, come luminosità, umidità e temperatura”.

Tech-abiti, dove vengono progettati

I ricercatori Enea del laboratorio Cross-Tec di Bologna si occuperanno in particolare di progettazione e stampa 3D degli inserti che fungeranno da contenitore per i sensori e i componenti elettronici.

Oltre a validare le tecnologie indossabili, il progetto We Light realizzerà le componenti hardware e software che serviranno da know-how per la filiera della moda e per ulteriori funzioni nelle smart city del prossimo futuro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5