Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SONDAGGIO

“Social family” all’italiana: condivisione sì, ma entro certi limiti

Utilizzo di Facebook nelle relazioni familiari, indagine Doxa: più di un utente su 4 nasconde i post ai genitori e il 17% toglie loro l’amicizia. Ma le attività sulla piattaforma sono simili

10 Mag 2019

L. O.

Genitori-figli, non sempre la “condivisione” social è gradita. Su Facebook in particolare, più di un utente su 4 nasconde ai propri genitori i post. E il 17% toglie l’amicizia a padre o madre. Ma la quasi totalità di figli e genitori (93%) utilizza il social per ricordarsi dei compleanni degli amici e far loro gli auguri. Fotografa la “social family” italiana – non solo Facebook, anche Instagram e Whatsapp – l’indagine realizzata da Doxa su 500 genitori di età tra i 51 e i 70 anni e 500 figli dai 25 ai 50 anni. Nel complesso Facebook viene visto come “strumento per coltivare e favorire le relazioni all’interno della cerchia familiare”.

Simili le attività su Facebook di genitori e figli – coltivare interessi tramite gruppi e pagine, aggiornamenti sulle news e relativi commenti – contatti con amici e familiari. Ma nonostante l’età dei figli intervistati – dai 25 ai 50 anni – la risposta del social appare più importante: il 40% dei figli rimane deluso se non ottiene like, solo il 18% dei genitori.

E’ nel rapporto figli-genitori che emergono differenze: al 24% dei figli non fa piacere se un genitore pubblica una sua foto senza avvisarli, il 26% esclude i genitori dalla visualizzazione di post, il 22% ha cancellato un commento di un genitore o ha rifiutato un tag (21%).

Padri e madri utilizzano la piattaforma per tenersi aggiornati (88%), esattamente come i figli. Il 56% dei genitori (59% dei papà) commenta i fatti di attualità. Guardano i video più le madri dei padcri (91% contro il 59%).

Facebook un mezzo per scoprire cose dei figli? Succede nel 13% dei casi. Il 38% dei genitori dice di essere interessato soprattutto come stanno i figli. Il 58% dei genitori dichiara di commentare le foto postate dai propri figli. Solo il 14% commenta post di persone che non conosce se sono taggati i figli e a solo il 5% viene in mente di contattare un amico dei figli per chiedergli informazioni.

Quella dei genitori è una generazione analogica ma non troppo, dice Doxa: meno della metà dei genitori ha dovuto chiedere aiuto ai figli su come utilizzare Facebook quando ha iniziato a usarlo.

Le differenze emergono maggiormente rispetto all’utilizzo di Instagram. Il 77% dei figli pubblica foto vs il 51% dei genitori. Stessi comportamenti su Whatsapp. In particolare, la piattaforma di chat viene usata dalla quasi totalità delle mamme per comunicare con i figli (98%), mandar loro messaggi vocali (81%), scambiarsi foto (94%) e contenuti divertenti (76%). Circa 1 mamma su 2 lo utilizza anche per videochiamate e chat di famiglia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

D
doxa
F
facebook
I
instagram
W
Whatsapp

Articolo 1 di 5