IL CASO

Stonex & Co., faro Antitrust sulle vendite online

Secondo quanto risulta a CorCom dalla prossima settimana potrebbero essere aperti una serie di fascicoli formali a carico di aziende che fanno e-commerce. Nel mirino anche lo smartphone by Francesco Facchinetti

18 Nov 2015

Mila Fiordalisi

L’Antitrust potrebbe dare il via, già a partire dalla prossima settimana, all’apertura di una serie di fascicoli formali a carico di società operative in Italia per pratiche commerciali scorrette in materia di e-commerce. E secondo quanto risulta a CorCom nel mirino ci sarebbe anche Stonex, la società capitanata da Davide Erba che vede in campo, nel ruolo di direttore creativo, Francesco Facchinetti. È stata Altronconsumo, a inizio agosto, ad appellarsi formalmente all’Antitrust per verificare eventuali pratiche commerciali scorrette da parte di Stonex.

L’Authority ha altri tre mesi di tempo per decidere il da farsi (6 mesi a partire da agosto), ma secondo quanto risulta al nostro giornale la fase di “monitoraggio” della pre-istruttoria si sarebbe pressoché conclusa. Cosa deciderà il Garante è ora tutto da vedersi, ma vero è che il battage pubblicitario di Stonex sugli smartphone si è andato via via esaurendo. A inizio luglio, poco prima del debutto sul mercato online del primo smartphone,in una lunga intervista con il nostro giornale Facchinetti aveva annunciato stime di vendita per 20mila pezzi al mese. Una quantità da far invidia a Apple & Co. Peccato che l’azienda ad oggi non fornisca dati sulle vendite dei telefonini. Fa però sapere a CorCom che fra smartphone StonexOne, maglie, cappelli, cover, cuffie, carica-batteria, cavo usb e felpe (tutti gadget lanciati negli ultimi mesi) “gli ordini hanno raggiunto quota 30mila”. Ben poca cosa dunque rispetto ai grandi numeri annunciati a suo tempo.

Call4ideas CARDIF
Il Next Normal di Open-F@b?Call4Ideas. Proponi il tuo progetto innovativo!
Digital Transformation
Open Innovation

Che cosa non ha funzionato? L’azienda preferisce il no comment sulla questione, anche dopo le polemiche estive legate alle “aste” online andate esaurite in così breve tempo (poche ore) da costringere la società a rivedere il timing delle vendite. Ma i pezzi messi a disposizione sarebbero stati poco più di qualche centinaia. Fra i candidati all’acquisto di uno dei telefonini c’era proprio Altroconsumo che non essendo riuscita a portare a buon fine l’operazione si è rivolta all’Authority per verificare la questione. Ma l’azienda non si arrende e qualche giorno fa ha rilanciato con la Stonex Cam, una camera che anche questa volta promette di sbaragliare la concorrenza. Ci sarà da crederci? In una nota l’azienda fa sapere che una società italiana produttrice di action cam (di cui non si fa il nome) starebbe cercando di bloccare il progetto: “Ma noi proseguiamo dritti per la nostra strada – annuncia il ceo Davide Erba -, ancora più convinti di prima e porteremo a termine anche questo progetto di Stonex Cam. Così come abbiamo fatto e stiamo ancora facendo con Stonex One e l’app di Ciao IM”.