SOCIAL MEDIA

Twitter, Musk rassicura Breton: “Pieno rispetto delle regole europee”

Le novità introdotte dal Digital Services Act al centro dell’incontro ad Austin (Texas) tra il manager e il commissario Ue per il Mercato interno. Nel mirino la stretta sui contenti illegali e nocivi via social

10 Mag 2022

L. O.

“Sono d’accordo con tutto quello che ha detto, credo siamo veramente sulla stessa lunghezza d’onda e qualsiasi cosa le mie società possano fare che sia a beneficio dell’Europa, vogliamo farla“. Così Elon Musk ha assicurato al commissario europeo per il mercato interno, Thierry Breton, che intende attenersi alle nuove regole varate dalla Ue che richiederanno ai social media di fare di più sui contenuti illegali.

Il “nodo” Digital Services Act

Nel video, pubblicato su Twitter, dell’incontro tra i due, avvenuto in uno degli impianti in Texas dove si costruiscono i veicoli elettrici della Tesla, Musk ha detto che i principi del Digital Services Act – con cui l’Unione mira a imporre alle grandi multinazionali della rete una maggiore responsabilità sui contenuti illegali o nocivi che circolano sulle loro piattaforme – “sono esattamente allineati con quello che pensiamo”.

WHITEPAPER
Intelligent Enterprise: come usare i dati e l’AI per creare la CX perfetta e omnicanale
Big Data
Digital Transformation

L’accordo per l’acquisizione di Twitter

L’incontro arriva alcune settimane dopo che Musk ha siglato un accordo per acquistare la società di social media per 44 miliardi di dollari in contanti.

In un video con i due uomini pubblicato su Twitter da Breton, il funzionario dell’Ue dice a Musk di aver spiegato a Musk il Digital Services Act. “Si adatta abbastanza bene a ciò che pensi che dovremmo fare”, dice Breton a Musk in un tweet che includeva l’hashtag. “Penso che sia esattamente in linea con il mio modo di pensare”, risponde Musk.

Le nuove regole europee

I due non sono entrati nei dettagli sulla nuova legge, che commina pesanti multe alle aziende se non controllano i contenuti illegali. Le regole vietano la pubblicità rivolta ai bambini o basata, ad esempio, su religione, genere, razza e opinioni politiche.

Musk si è assicurato l’accordo per l’acquisto di Twitter il mese scorso con l’impegno di rivitalizzare l’azienda ed espandere il numero di utenti reprimendo i bot spam e riducendo la quantità di moderazioni per facilitare una maggiore “libertà di parola”.

I commenti del miliardario hanno spinto Breton a replicare che Twitter deve rispettare le nuove regole dell’Ue note come Digital Services Act che affrontano i contenuti online illegali.

Nell’ordine del giorno dell’incontro anche le questioni della catena di approvvigionamento globale riguardanti in particolare il nuovo stabilimento di Austin di Tesla.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5