Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MERCATO

Uk, il possibile deal BT-EE minaccia la supremazia di Sky

L’emergere di un colosso quad-play farebbe vacillare il dominio nella pay-Tv. Murdoch potrebbe reagire alleandosi con un operatore mobile per essere a sua volta presente nello stesso mercato

17 Dic 2014

Patrizia Licata

Le formazione di un colosso delle Tlc multi-play con la fusione eventuale tra British Telecom ed EE è una minaccia non solo per le altre telco come Vodafone ma anche per l’operatore numero uno della pay-Tv britannica, Sky.

La piattaforma di Rupert Murdoch domina il mercato della
 pay-Tv in Uk da 25 anni ma il nuovo colossale concorrente mette a rischio la sua supremazia. BT, ex monopolista telecom, ha già invaso il territorio di Sky accaparrandosi parte dei diritti di trasmissione delle partite di calcio inglesi ed europee, prima un’esclusiva dell’azienda di Murdoch. Ora, con la possibile acquisizione di EE, il maggiore operatore mobile britannico, BT avrebbe le risorse e la base utenti necessarie per competere da numero uno per aggiudicarsi i diritti esclusivi per molti contenuti. Gli analisti già si chiedono quale sarà la reazione di Sky.

“La battaglia per i contenuti metterebbe pressione nel lungo periodo su Sky“, afferma Nick Jones, partner di Cavendish
 Corporate Finance a Londra. “I margini di Sky ne soffriranno”.

L’offerta di BT per EE (pari a 12,5 miliardi di sterline) arriva in un momento critico per l’industria britannica della pay-Tv: la scorsa settimana è iniziata la gara per l’assegnazione dei diritti per la prossima stagione della Premier
 League di calcio. Le principali contendenti sono appunto Sky e BT e secondo gli analisti di Bank of America Merrill Lynch l’azienda di Murdoch potrebbe perdere il 15% dei suoi abbonati di maggior valore se non riuscisse ad aggiudicarsi la maggior parte del pacchetto Premier
 League. “Sky deve pagare qualunque prezzo possibile per avere i diritti”, sottolinea Ian Whittaker, media analyst di Liberum Capital
.

Qualche osservatore specula sulla possibilità che Sky cerchi un accordo con un operatore mobile per essere presente a sua volta con un’offerta “quad-play” e resistere alla concorrenza di BT.
 “Telefonica ha fatto capire chiaramente che O2 è sul mercato e questo rappresenta un’opportunità per Sky per assumere una 
posizione di guida sul mercato mobile in Uk e contrastare le mosse di BT“, osserva Ewan Parry, partner di OC&C Strategy Consultants. Ma Sky sarebbe anche in trattative con Vodafone per portare i suoi contenuti su un nuovo servizio Tv che il carrier mobile ha in cantiere, secondo indiscrezioni di Bloomberg.

“Nuovi movimenti sul mercato britannico minacciano la posizione consolidata di Sky“, nota Alex DeGroote, media analyst di Peel Hunt a Londra. “Anche per questo Sky ha stretto l’accordo pan-europeo con Sky Deutschland e
 Sky Italia, per espandersi su due mercati che, rispetto a quello britannico, sono meno sviluppati e con meno concorrenti”.

Articolo 1 di 5