Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TLC SPAZIALI

Un satellite “all digital”, la nuova scommessa di Thales Alenia Space

La joint venture Thales-Leonardo prosegue gli investimenti nella digitalizzazione dell’offerta rivolta agli operatori satellitari. La nuova linea Space Inspire consente una transizione efficiente da servizi di trasmissione video a connettività a banda larga

12 Set 2019

Patrizia Licata

giornalista

Thales Alenia Space continua ad allargare la presenza sul mercato dei satelliti per le telecomunicazioni a banda larga: la joint venture Thales (67%) e Leonardo (33 %) ha presentato la sua nuova linea di prodotti satellitari Space Inspire (INstant SPace In-orbit REconfiguration) che “consente missioni e servizi di riconfigurazione perfetti, aggiustamenti in orbita istantanei, transizione da servizi di trasmissione video a connettività a banda larga con massimizzazione dell’efficienza e dell’uso effettivo delle risorse satellitari”.

“Space Inspire è un punto di svolta  nell’ ambito del mercato spaziale che evolve sempre più rapidamente, dando vita a profondi cambiamenti nel settore delle telecomunicazioni. I nostri clienti si trovano sempre più di fronte alla necessità di sviluppare servizi avanzati e cogliere subito nuove opportunità di business, potenziandone, al contempo,  la loro efficienza”,  ha dichiarato Jean-Loïc Galle, Ceo di Thales Alenia Space. “Grazie a questa nuova linea di prodotto di Thales Alenia Space, alla digitalizzazione dell’intera missione e alla sua completa flessibilità, si consente agli operatori satellitari di assegnare capacità ovunque, indipendentemente dalla forma d’onda”.

Thales Alenia Space ha cominciato da diversi anni a investire nella digitalizzazione della propria offerta, creando nuove competenze, nuovi prodotti e partnership strategiche. Tali sforzi, supportati dal Cnes, l’agenzia spaziale francese e dall’Esa, l’Agenzia spaziale europea, stanno dando i loro risultati per i satelliti per le telecomunicazioni e, in particolare, hanno consentito a Thales Alenia Space di soddisfare le esigenze di connettività in qualità di leader del mercato ad altissima prestazione Vhts (Very High Throughput) e di essere la prima società al mondo a offrire un payload interamente digitale in grado di processare sino alla classe dei terabit.

Trasformare un satellite Tv Direct to Home in uno a connettività satellitare High throughput e cambiare la sua copertura quasi in tempo reale sembrava inconcepibile solo pochi anni fa. Thales Alenia Space ha progettato la sua nuovissima linea di prodotto di satelliti Space Inspire al fine di rispondere a queste esigenze a un livello di costo senza precedenti. Questa soluzione satellitare di grandezza medio-piccola, definita da software, si aggiunge alla linea di satelliti Spacebus Neo per arricchire il portfolio di Thales Alenia Space.

Lo scorso luglio l’Indonesia ha affidato la distribuzione e la gestione dei suoi satelliti di telecomunicazione a banda larga a un consorzio diretto dall’operatore satellitare locale Pasifik Satelit Nusantara (Psn), che a sua volta ha selezionato Thales Alenia Space la progettazione e la produzione del satellite Satria, il cui lancio è previsto nel quarto trimestre del 2022. Nel ruolo di prime contractor, Thales Alenia Space fornirà il satellite Vhts collocato sulla sua piattaforma completamente elettrica Spacebus Neo e dotata di un processore digitale (5G). Il satellite Ka-Band Satria trasmetterà più di 150 gigabit per secondo su tutto il territorio indonesiano, con l’obiettivo di ridurre il digital divide. Thales Alenia Space sarà anche impegnata a fornire due centri di controllo satellitari (principale e di backup), le stazioni di telecomunicazioni e telemetria e il segmento di missione da terra.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

T
thales Alenia Space

Approfondimenti

B
Banda Larga
S
satelliti

Articolo 1 di 4