Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'APPELLO

Scontrino elettronico, le aree montane reclamano la proroga

Uncem chiede al Governo di inserire nel Milleproroghe lo slittamento di un anno dell’obbligo: “Connettività insufficiente, a rischio un’economia già in ginocchio”

20 Dic 2019

L. O.

Piano banda ultralarga in ritardo di quasi due anni. Scarsa connettività. Sono i due motivi alla base della richiesta di proroga di un anno dell’obbligo dello scontrino elettronico nelle aree montane. “Lo scontrino elettronico e i nuovi apparecchi hanno senso solo se vi è connettività adeguata, certa, di buona qualità, o si rischia di mettere in ginocchio un sistema di esercenti già provato da burocrazia e da una desertificazione mai fermata”.

Lo dice Marco Bussone, presidente dell’Unione Nazionale che raggruppa Comuni e Comunità degli enti montani che ha inviato oggi una richiesta di proroga al governo: “Il rinvio, chiede l’associazione, dovrebbe essere inserito nel milleproroghe che sta per essere varato”.

Più di un motivo alla base dell’appello. “Intanto non è mai arrivato il decreto, a suo tempo annunciato relativo ai Comuni che per due anni sarebbero stati esclusi dall’imposizione di scontrino elettronico – sottolinea Bussone -: avrebbe permesso di bypassare lo scoglio che ci viene evidenziato da tutti i Sindaci e da molti esercenti”.

Aree montane in ritardo digitale

Inoltre il divario digitale è ancora una “emergenza per i territori montani e le aree interne del Paese – dice Bussone -. Ne parleremo il 31 gennaio 2020 agli Stati generali della Montagna, luogo importante di elaborazione: il Piano Bul è in ritardo di attuazione di quasi due anni. A farne le spese sono appunto Comuni e imprese delle Alpi e degli Appennini oltre che delle zone interne delle isole”.

Ma se manca connettività oppure l’energia elettrica, come si verifica con le nevicate, “Governo e Parlamento abbiano il coraggio – ribadisce il presidente – di dare una proroga per i territori montani. Non mettiamo ulteriormente in crisi un’economia già in ginocchio”.

Sono 200 i Comuni italiani che non hanno un negozio e un bar. E 500, con meno di tre, sono a rischio. Positivi i contributi per commercio e imprese in legge di bilancio per le aree interne, specifica Bussone: “Facciamo decollare questi e altri provvedimenti. Ma stoppiamo burocrazie e incombenze nuove in particolare legate alla digitalizzazione. Tutti sanno quanto Uncem creda nei processi di innovazione. Ma fino a quando questi non sono pienamente avviati e completati, fino a quando restano come oggi sulla carta, non obblighiamo chi vive e fa impresa, anche con ricadute sociali, nei territori montani, a nuovi obblighi che non sarebbe comunque in grado di adempiere, rischiando multe e anche di mettere in dubbio il proprio futuro”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4