Industria 4.0, il 20% delle Pmi della meccanica si sente impreparato - CorCom

SCENARI

Industria 4.0, il 20% delle Pmi della meccanica si sente impreparato

Secondo la ricerca sull’industria manifatturiera realizzata da Grs Ricerca e Strategia, quasi la metà delle organizzazioni è soddisfatta per il prolungamento del piano Calenda, rispetto all’efficacia del quale, però, emergono luci e ombre

10 Mag 2018

Domenico Aliperto

Quasi la metà (il 41,8%) delle piccole e medie imprese della meccanica è soddisfatta per il prolungamento del piano nazionale 4.0 al 2020, sebbene quasi una azienda su tre (31%) lo giudichi una buona base di partenza ma ancora insufficiente e c’è chi ancora non lo conosce (18,4%). Quasi un quinto delle imprese (18,6%), inoltre, non si sente preparato per la quarta rivoluzione industriale. Sono alcuni dei dati più significativi emersi dalla ricerca sull’industria manifatturiera meccanica realizzata da Grs Ricerca e Strategia e presentata in occasione del Forum trasformazione digitale, promosso da Fabbrica per l’eccellenza, la learning community di Compagnia delle Opere.

Tra le misure del piano Calenda, iper e super ammortamento riscuotono il successo maggiore, mentre, gli investimenti sono destinati soprattutto alla sicurezza informatica. Un quarto (25,3%) delle Pmi italiane del settore, sulle 253 intervistate tra gennaio e febbraio 2018, considera “discreti” gli effetti del Piano, il 24% ne dà una valutazione positiva e il 17,7% ritiene che la situazione sia migliorata sul fronte della trasformazione digitale. Per il 15,2% degli intervistati, invece, si tratta di un piano “confuso e non rispondente alle esigenze delle Pmi”.

WHITEPAPER
Come migliorare la redditività grazie alla digital transformation nel settore industriale
Digital Transformation
IoT

Valutando le singole iniziative del Governo emerge che il Super/iperammortamento è giudicato positivamente dal 71,5% del campione, il credito d’imposta incontra il favore del 67,8% delle imprese, il miglioramento delle infrastrutture digitali abilitanti piace al 63% delle Pmi. Buoni risultati fanno registrare anche il potenziamento del fondo di garanzia (52,8%), la defiscalizzazione dei premi di produzione (54,2%), gli incentivi per piani formativi (47,9%), la creazione dei gruppi di lavoro (39,3%). Agli imprenditori è stato anche chiesto un giudizio sullo stato attuale della propria azienda in rapporto al processo di Industria 4.0. Il 36,9% degli intervistati dichiara di essere in linea con le competenze richieste, il 17,2% di anticipare le mosse dei competitor, di peso uguale è la quota di quanti ammettono, invece, di essere indietro rispetto alle azioni dei competitor, il 10,2% non sa come si sta muovendo, il 18,5% non dà alcun tipo di giudizio.

I principali fattori che rallentano la digitalizzazione sono l’incertezza del rapporto tra investimenti e benefici, la mancanza di competenze interne e anche gli investimenti troppo alti. Rispetto agli investimenti, dopo la cybersecurity, le risorse vengono puntate soprattutto sulla connettività (53%), mentre Internet of Things (su cui investe il 26,8% delle imprese), robotica collaborativa, big data e realtà aumentata stentano ancora a decollare. Nella maggioranza delle pmi l’imprenditore è la figura che gestisce il processo di innovazione digitale, solo il 10,9% ha un Chief innovation officer (Cio) e appena lo 0,6% un Chief Digital Officer (Cdo).

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

I
industria 4.0
I
IoT
M
manifatturiero