Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA VERTENZA

Call center, Di Raimondo (Asstel): “Passo avanti con l’accordo sul costo del lavoro”

Il direttore di Asstel: “Prosegue il percorso con i sindacati per consolidare un quadro di regole in una cornice di sostenibilità per le imprese. E’ fondamentale aiutare il settore a evolvere verso un assetto di buona imprenditoria, essenziale per evitare l’insorgere di fenomeni distorsivi che hanno ripercussioni negative su aziende e lavoratori”

02 Gen 2018

Laura Di Raimondo*

Prosegue il percorso intrapreso da Assotelecomunicazioni-Asstel  con i Sindacati di categoria che mira a consolidare un quadro di regole per le attività di call center in una cornice di sostenibilità per le imprese del settore. E’ in questo scenario che nasce il recente decreto  con cui il Ministero del Lavoro ha definito  il costo del lavoro medio per il personale dipendente da imprese che svolgono attività di call center.

La firma del Decreto giunge al termine di un confronto aperto e costruttivo tra Asstel e Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e UglTelecomunicazionisociali che ha reso possibile stabilire il costo del lavoro medio per i lavoratori dipendenti occupati nel settore dei call center. In questo modo  viene individuato il costo medio di riferimento in funzione dei futuri affidamenti da parte di amministrazioni aggiudicatrici ed enti aggiudicatori di servizi di call center, così come previsto dal Codice dei contratti pubblici e dall’articolo 24-bis del Decreto-legge n. 83 del 2012.

Asstel ritiene strategico aiutare il settore dei call center a evolvere verso un assetto di buona imprenditoria, fattore essenziale per evitare l’insorgere di fenomeni distorsivi, che hanno ripercussioni negative su aziende e lavoratori. Per questo l’associazione è fortemente impegnata nel contribuire a definire regole per lo svolgimento di tali attività, capaci di assicurare garanzie ai lavoratori e innalzare i livelli di competitività, produttività e qualità nell’operatività delle aziende.

Assotelecomunicazioni-Asstel , titolare del Ccnl Tlc, rappresenta nel sistema di Confindustria l’intera filiera delle telecomunicazioni, associando una parte rilevante della committenza e del settore dei call center in outsourcing.

*Direttore di Assotelecomunicazioni-Asstel

@RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link