Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Nuovo rincaro per Netflix, più ossigeno alla produzione di serie e film originali

Pesano gli investimenti in contenuti e la concorrenza con Amazon Prime e Disney. Il debito tocca quota 8,33 miliardi di dollari. Il titolo sale a Wall Street. Ma le nuove tariffe non si applicano all’Italia

16 Gen 2019

Nuovo rincaro per Netflix. Per ora soltanto negli Usa. La società guidata da Reed Hastings annuncia che alzerà i prezzi per gli abbonamenti negli Stati Uniti del 13-18%, l’aumento maggiore da quando ha lanciato i suoi servizi in streaming, 12 anni fa. Il piano base subirà il maggior aumento, da 11 a 13 dollari; si tratta dell’offerta che permette a due dispositivi di essere collegati contemporaneamente. Anche così però sarà un abbonamento più economico rispetto per esempio a Hbo che fornisce i suoi servizi in streaming per 15 dollari al mese. La notizia ha fatto impennare il titolo a Wall Street.

Gli introiti serviranno a Netflix per finanziare nuove serie e film originali e sostenere gli alti costi (e i debiti) che sta affrontando per tenere dietro rivali come Amazon Prime Video e l’imminente piattaforma Disney. Si tratta del quarto rincaro negli Stati Uniti; il precedente risaliva alla fine del 2017. Questo, però, sarà il primo aumento per tutti gli abbonati statunitensi, in tutto 58 milioni. Il prezzo per l’abbonamento più economico salirà a 9 dollari, mentre il costo per il piano premium per lo streaming in ultra alta definizione salirà da 14 a 16 dollari. I nuovi prezzi saranno subito applicati ai nuovi abbonati ed estesi agli attuali sottoscrittori nel giro di tre mesi.

L’operazione evidenzia che Netflix “ha un forte potere di determinazione dei prezzi – dice Pivotal Research Group -. Ache dopo l’aumento rimarrà un’alternativa molto economica”.

L’incremento degli investimenti su contenuti originali ha portato ad un aumento del debito a lungo termine di Netflix, che è raddoppiato a 6,50 miliardi di dollari nel 2017 dai 3,36 miliardi nel 2016. Il livello del debito 2018 dovrebbe toccare quota 8,33 miliardi di dollari. Giovedì i risultati trimestrali. Si prevede che Netflix riferisca i risultati trimestrali giovedì.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

D
debito
N
netflix
R
rincari

Articolo 1 di 2