Streaming low cost addio, YouTube alza il prezzo del 30% - CorCom

LA DECISIONE

Streaming low cost addio, YouTube alza il prezzo del 30%

La competizione con le Tv tradizionali costringe la piattaforma online a rincarare la tariffa dell’abbonamento negli Usa: il nuovo pacchetto “arricchito” costerà 65 dollari al mese

01 Lug 2020

L. O.

Svolta sui prezzi per lo streaming video. Youtube – di proprietà di Google – annuncia un aumento di 15 dollari sul mercato Usa per l’abbonamento mensile al pacchetto televisivo che costerà 64,99 dollari al mese. Gli aumenti scatteranno già da fine giugno per i nuovi abbonati e dal 30 luglio per quelli già esistenti. Il servizio, che consente l’accesso a più di 80 canali TV online, alla fine del 2019 contava 2 milioni di abbonati, ha dichiarato Sundar Pichai, Ceo di Google (contro i 19,90 del fornitore di TV via cavo statunitense Comcast nel primo trimestre 2020).

Per Youtube è il secondo rincaro

Non è il primo rialzo dei prezzi che effettua la società: già lo scorso aprile aveva aumentato il costo di 10 dollari e, secondo gli osservatori, riflette l’aumento della competizione tra fornitori di TV in streaming e operatori del cavo tradizionali. Contraddicendo però il proprio originario carattere low cost.

“Non abbiamo preso la decisione alla leggera – ha fatto sapere Google – e ci rendiamo conto di quanto sia difficile per i nostri clienti. Ma il nuovo prezzo riflette l’aumento del costo dei contenuti, così come – del resto – il valore di YouTube TV quanto a ventaglio delle offerte e funzionalità”.

YouTube TV ha dichiarato all’inizio di quest’anno che avrebbe aggiunto altri marchi tra cui Bet, Cmt, Comedy Central e Paramount Network.

Youtube a caccia di pubblicità

Del resto Youtube da mesi sta puntando ad affinare le proprie armi nella guerra contro i competitor. A maggio Alphabet, la casa madre di Google e YouTube, ha presentato un nuovo progamma per gli inserzionisti chiamato YouTube Select che, nelle intenzioni dell’azienda, servirà ad attrarre più pubblicità di tipo televisivo profilando in maniera più efficiente il tipo di pubblico che guarda i contenuti. Il lancio del programma avviene nel periodo di maggior calo recente della pubblicità causato dalla pandemia di coronavirus.

Con YouTube Select gli inserzionisti avranno la possibilità di raggiungere degli spettatori che guardano i contenuti in streaming individuali oppure parte di YouTube Tv (il servizio televisivo live di YouTube) sui loro apparecchi televisivi. La distinzione chiave secondo Alphabet è proprio questa: gli spettatori saranno seduti di fronte al televisore anziché utilizzare i loro smartphone, tablet o personal computer. Nel settore della pubblicità questo tipo di spettatori sono considerati più profittevoli per gli inserzionisti. 

@RIPRODUZIONE RISERVATA