Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

Privacy, YouTube corre ai ripari: i video per bambini migrano in Kids

Dopo le numerose critiche e l’ammissione di non poter controllare i contenuti l’azienda si prepara a una drastica mossa. E prova a smarcarsi dall’inchiesta della Fcc Usa

21 Giu 2019

Antonio Dini

Contenere il danno, trovare una soluzione. La strada per uscire dalla trappola dei video fuori controllo è forse quella di spostare tutti i contenuti per bambini su YouTube Kids, l’app alternativa a quella principale per guardare i video della società di Google, che per ammissione dello stesso Ceo Sundar Pichai è diventato troppo grande per poter essere controllato al 100 per cento.

Secondo il Wall Street Journal Google e YouTube stanno correndo ai ripari per cercare di contenere le critiche che si stanno abbattendo sul social dei video e stanno cercando di capire se cambiare il modo con il quale vengono gestiti i contenuti per bambini. La prospettiva che attualmente i manager dell’azienda ritengono più interessante – secondo quanto raccolto da fonti interne all’azienda dal Wall Street Journal – sarebbe quella di spostare tutti i contenuti per bambini all’interno di YouTube Kids, l’app dedicata che “pesca” su una library di video enormemente più piccola dello sconfinato e ingovernabile serbatoio di YouTube.

La business unit di Google si è da tempo posizionata come una piattaforma neutra che consente a chiunque di caricare e guardare qualsiasi video desideri. Ma ora il sito sta reagendo alle critiche e cerca di convincere genitori e inserzionisti che può proteggere i bambini da contenuti violenti, sconvolgenti e dannosi. Lunedì, Bloomberg ha riferito che i bambini che utilizzano il sito principale di YouTube superano di gran lunga quelli che si attengono all’app YouTube Kids più sicura e controllata.

YouTube ha già apportato modifiche alla piattaforma mentre cerca di creare un sito più sicuro per i bambini. La società ha vietato commenti su migliaia di video con bambini dopo che i predatori sessuali hanno scoperto di utilizzare la sezione dei commenti per contrassegnare parti dei video che mostrano attività che potrebbero essere distorte per essere interpretate come sessuali.

“Consideriamo molte idee – ha dichiarato un portavoce di YouTube – per migliorare YouTube e alcune rimangono solo questo: idee. Altre, che sviluppiamo a lungo poi vengono lanciate, come le nostre restrizioni ai minori per lo streaming o la politica contro incitamento all’odio”.

Solo di recente YouTube ha fatto della “crescita responsabile” la sua metrica principale, dopo anni dedicati solo alle metriche basate sull’engagement, cioè il coinvolgimento degli utenti. Questo anche dopo che i dipendenti avevano segnalato video dannosi e fuorvianti ai dirigenti, secondo quanto rivelato da Bloomberg alcuni mesi fa.

In momenti diversi i principali inserzionisti hanno bloccato la loro spesa su YouTube per paura che i loro annunci vengano visualizzati accanto a video dannosi. Eppure, il sito video rimane, con Facebook e Instagram, tra i luoghi virtuali più popolari per fare pubblicità online.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

Y
youtube

Approfondimenti

F
facebook
G
google
I
instagram

Articolo 1 di 5