Dall'intelligenza artificiale alla robotica, ecco gli ospedali italiani più hi-tech al mondo - CorCom

LA CLASSIFICA

Dall’intelligenza artificiale alla robotica, ecco gli ospedali italiani più hi-tech al mondo

Sono 13 gli istituti sanitari del nostro Paese che si piazzano nella World’s Best Smart Hospitals 2021 stilata da Newsweek. La spinta dalla pandemia. Diagnostica 3D e applicazioni avanzate di telemedicina al centro della sfida futura

16 Giu 2021

L. O.

Innanzi tutto la telemedicina. Perché consente il monitoraggio dei pazienti e la comunicazione a distanza tagliando i tempi di diagnosi e riducendo i costi. Ma anche l’Intelligenza artificiale, l’apprendimento automatico, le tecniche avanzate di imaging come il 3D, la chirurgia robotica, le cartelle cliniche elettroniche. Sono alcuni dei parametri utilizzatu dal magazine Newsweek in collaborazione con Statista per stilare la classifica “World’s Best Smart Hospitals 2021” realizzata analizzando 250 ospedali di 26 Paesi nel mondo per utilizzo di tecnologie avanzate nella cura e diagnosi.

Ecco gli ospedali italiani in classifica

Classifica che mette l’Ircss, Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, al primo posto in Italia e al 34esimo a livello mondiale. A seguire l’ospedale pediatrico Bambin Gesù – al 51esimo posto -, l’azienda ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma (55esimo posto), il San Raffaele di Milano (58), il Policlinico Gemelli (85), l’Ospedale Casa Sollievo di San Giovanni Rotondo (86), il Gaslini di Genova (109), il Policlinico Campus Bio-Medico di Roma (160), gli Ospedali Riuniti Marche Nord di Pesaro (204), il Niguarda di Milano (218), il Centro Cardiologico Monzino (222), lo Ieo di Milano (223), il Meyer di Firenze (227).

WEBINAR
21 Ottobre 2021 - 12:00
3D Experience nel Manufacturing: come si evolve la progettazione e produzione?
Automotive
IoT

La spinta digitale della pandemia

La pandemia – si legge nel report del Newsweek –  “ha sottoposto gli ospedali a un forte stress test. Costringendoli ad adattarsi alle ondate di pazienti Covid-19, modificando i protocolli di trattamento e le catene di approvvigionamento”.

Gli ospedali che hanno resistito meglio alla crisi sono stati quelli che erano già aperti all’integrazione di nuove tecnologie e allo sfruttamento delle opportunità basate sui dati non appena disponibili.

“Il percorso di digitalizzazione – dice Luciano Ravera Ad dell’Humanitas al Corriere della Sera – è stato accelerato dalla pandemia, a noi siamo da sempre convinti che sia fondamentale per migliorare qualità e sicurezza, e per rendere l’ospedale più agile”.

In questo senso, la pandemia ha accelerato una tendenza in atto da anni. La tecnologia dell’informazione e altri strumenti che rendono gli ospedali “più intelligenti” sono già diventati un grande elemento di differenziazione nella maggior parte dei mercati dell’assistenza sanitaria.

Il mercato della tecnologia sanitaria

“Non c’è da meravigliarsi – scrive Newsweek – se il mercato della tecnologia per ospedali intelligenti dovrebbe raggiungere un valore di 35 miliardi di dollari nel 2021 e raggiungere gli 83 miliardi di dollari entro il 2026″. Ad alimentare queste nuove attività c’è una popolazione in crescita e che invecchia, aspettative crescenti da parte dei pazienti per l’accesso a un’assistenza di qualità e una migliore esperienza dei clienti e una crescente pressione per contenere i costi dell’assistenza sanitaria alle stelle. La tecnologia non è solo il modo migliore per gli ospedali di raggiungere questi obiettivi, può essere l’unico modo.

Dalla telemedicina alla AI

Se la telemedicina può avvantaggiare ospedali e pazienti, aiutare i pazienti mentre sono nelle loro case riduce i costi, individua più problemi più velocemente, riduce le infezioni e rende l’assistenza sanitaria più comoda e conveniente. E spostare la riabilitazione a casa “significa che i pazienti possono essere dimessi dall’ospedale prima”, osserva il dottor Eyal Zimlichman, Chief Innovation Officer presso lo Sheba Medical Center in Israele. Tali capacità consentiranno agli ospedali di ridurre le loro costose strutture fisiche anche migliorando ed espandendo le cure.

Il monitoraggio da remoto sta diventando importante anche per le cure ospedaliere. Fornendo ai pazienti dispositivi indossabili, i medici possono tenerli d’occhio più da vicino mentre camminano per le stanze e i corridoi. I pazienti possono portare alcuni dispositivi indossabili fuori dall’ospedale e nelle loro case, luoghi di lavoro e grandi spazi aperti. I dati raccolti da questi dispositivi forniscono avvisi tempestivi di problemi imminenti, che i medici possono spesso affrontare a distanza con consigli e prescrizioni piuttosto che ricoveri inutili.

L’apprendimento automatico e altre forme di intelligenza artificiale stanno iniziando ad aprire orizzonti completamente nuovi nell’assistenza. “I medici – si legge nel report – non possono passare le loro giornate a guardare un flusso di dati dei pazienti, né possono lasciar perdere tutto per concentrarsi su ogni piccolo problema e singhiozzo che si presenta nei numerosi flussi di dati di un’ampia popolazione di pazienti”.

Ma un algoritmo di apprendimento automatico può fare tutto questo per loro, filtrando il rumore e i falsi allarmi, mentre incanala riepiloghi utili e avvisi critici ai medici appropriati. L’apprendimento automatico svolgerà presto un ruolo centrale nella diagnosi e nel processo decisionale clinico. Un’area in cui l’intelligenza artificiale sta già avendo un impatto è lo screening delle immagini.

Ad esempio, Charité Universitätsmedizin, un ospedale di Berlino, fornisce immagini e diagnosi agli sviluppatori di software di intelligenza artificiale per addestrare e convalidare i loro sistemi. Anche la chirurgia sta beneficiando dell’apprendimento automatico e di altre tecnologie avanzate. Alcuni ospedali intelligenti stanno già implementando tecniche di imaging avanzate per preparare “cloni digitali” preoperatori di pazienti, ovvero immagini 3D virtuali che consentono ai chirurghi di esaminare l’anatomia di un paziente da tutte le angolazioni, il che aiuta a pianificare il miglior approccio chirurgico e ad anticipare anomalie.

Le simulazioni pre-chirurgiche diventeranno uno standard nelle sale operatorie degli ospedali intelligenti entro 10 anni, prevede Luc Soler, professore all’ospedale universitario di Strasburgo e presidente di Visible Patient, che sta sviluppando una tecnologia di modellazione. Nel tempo, queste capacità saranno combinate con la chirurgia robotica, che presenta molti vantaggi rispetto alla chirurgia convenzionale, dice Jacques Marescaux, presidente dell’Istituto di ricerca contro il cancro dell’apparato digerente a Strasburgo, in Francia. La chirurgia robotica, dice, comporta “un minor rischio di complicanze, garantisce una migliore sicurezza del paziente e minori spese dovute alle riammissioni”. Alcuni dei maggiori miglioramenti tecnologici nell’assistenza ai pazienti verranno dalla fornitura agli amministratori ospedalieri e ai leader clinici di informazioni estratte da vaste raccolte di dati sui pazienti in costante espansione.

Ma questi progressi dipendono fondamentalmente dalla disponibilità di cartelle cliniche elettroniche all’avanguardia. Gli ospedali intelligenti stanno legando sempre più funzioni e decisioni ai dati estratti dalle cartelle, utilizzando i risultati per formare i medici e mettere a punto le cure. “La base per un’elevata qualità sono i dati raccolti – dice Alan Forster, chief innovation officer dell’ospedale di Ottawa in Canada -. Questi dati possono aiutare a prendere decisioni di gestione migliori”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4