Zte: dispositivi in massima sicurezza, "bollino blu" internazionale

IL RICONOSCIMENTO

Privacy, “bollino blu” internazionale per Zte: dispositivi in massima sicurezza

L’azienda cinese supera la revisione del British Standards Institution per i propri terminali e si aggiudica la certificazione Iso/Iec 27701. Riconoscimento facciale, shopping e interazioni uomo-macchina a prova di protezione dati. Assicurata l’adesione al Gdpr

15 Ott 2021

L. O.

Zte supera la revisione della British Standards Institution e ottiene la certificazione standard internazionale Iso/Iec 27701:2019 per il “Privacy Information Management System” per i dispositivi terminali. Si tratta del riconoscimento sulla protezione della privacy degli utenti riconosciuta dalle autorità internazionali e faciliterà ulteriormente, fa sapere l’azienda cinese, “lo sviluppo innovativo dei prodotti terminali nei campi della sicurezza dei dati degli utenti e della protezione della privacy”.

Come funziona il sistema Zte

L’azienda si è concentrata sugli scenari principali costruendo per la conformità della privacy un sistema end-to-end a circuito chiuso basato sui processi, e ha integrato il concetto stesso di protezione della privacy nei processi di ricerca e sviluppo dei prodotti.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

La certificazione di protezione della privacy include i servizi di R&S, di manutenzione e funzionamento delle app basate sul sistema operativo MyOS di Zte (Message Service, Z-Voice, Zte Cares, Zte Market, Zte Mall e Z-Board), così come le funzioni basate sul sistema operativo MyOS (aggiornamento del sistema, riconoscimento facciale e account).

Quali fronti copre lo standard

Il gruppo ha costruito un sistema di protezione della sicurezza delle informazioni dell’utente che coinvolge il volto e la voce dell’utente, i suoi consumi e il suo shopping, l’interazione uomo-macchina e molte altre aree principali per proteggere in modo completo la privacy dell’utente.

La certificazione ottenuta è attualmente uno degli standard di protezione della privacy più autorevoli al mondo. Lo standard è stato emesso congiuntamente dall’Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione e dalla Commissione Elettrotecnica Internazionale nell’agosto 2019, e mira ad aiutare le organizzazioni a proteggere ed elaborare efficacemente le informazioni personali raccolte.

Lo standard garantisce che le aziende soddisfino i requisiti di conformità al Gdpr europeo, riconosciuto dal settore come il regolamento di protezione della privacy più severo. Ottenendo la certificazione, il gruppo dimostra, si legge nella nota, “che il suo livello di protezione della privacy è riconosciuto come avanzato secondo gli standard internazionali”.

Le strategie privacy di Zte

Zte si è impegnata, a partire dal 2019, grazie ad un benchmark del Pims Iso/Iec 27701:2019, nonché delle migliori pratiche del settore, a stabilire un sistema di conformità alla protezione dei dati applicabile, efficace e e leader nel suo campo. Inoltre ha introdotto e stabilito il Pims nella product line, che viene continuamente migliorato in conformità con lo sviluppo del business. Dal 2020 al 2021, i prodotti wireless 5G, i prodotti wireless della core network e i prodotti della tecnologia digitale, hanno successivamente ottenuto la certificazione Iso/Iec 27701:2019.

In quanto fornitore di terminali nell’ecosistema intelligente, l’azienda “si impegnerà a migliorare il sistema di protezione della privacy per creare un ambiente sostenibile, trasparente, aperto e compliant“, fa sapere il gruppo cinese. In virtù dei suoi vantaggi tecnologici, “lancerà più terminali 5G, fornirà ai consumatori prodotti e servizi diversi e convenienti, e costruirà uno stile di vita digitale e intelligente in totale sicurezza”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5