Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

REPORT

Mercato smartphone al ralenti, Samsung si riprende lo scettro ma Huawei incalza

Strategy Analytics: tempi più lunghi per la sostituzione e poche innovazioni alla base dell’indebolimento del settore. Apple torna al secondo posto dopo l’exploit natalizio. Avanzano le cinesi: Xiami e Oppo al quarto e quinto posto subito dopo il bronzo di Huawei

02 Mag 2018

E’ Samsung a dominare il mercato degli smartphone nel primo trimestre 2018, seguito da Apple e da Huawei. La fotografia è di Strategy Analytics che disegna un settore in lieve rallentamento. Tra le cause, i tempi di sostituzione più lunghi e la mancanza di innovazioni in grado di far presa sui consumatori.

Il mercato globale chiude la trimestrale a quota 345 milioni di unità, in calo del 2% rispetto allo stesso periodo 2017. Samsung registra un calo del 2% nelle vendite a 78,2 milioni di unità. La compagnia coreana detiene il 22,6% del mercato, un decimo di punto in meno rispetto a un anno fa. Al secondo posto c’è Apple, che ha appena comunicato di aver commercializzato 52,2 milioni di iPhone, pari a un +2,9%. La Mela ha una market share del 15,1%, in crescita rispetto al 14,4% del primo trimestre 2017. “Samsung ha riconquistato il primo posto dopo averlo ceduto ad Apple durante le festività di Natale – dice la società di analisi -. Samsung si mantiene stabile nei suoi mercati principali del Nord America, Europa occidentale e Corea del Sud, ma sta affrontando un’intensa pressione competitiva in Cina e in India da parte di concorrenti come Xiaomi”.

La parte bassa della top-five è occupata da tre società cinesi. Huawei conserva la medaglia di bronzo grazie a consegne in aumento del 14% su base annua a 39,3 milioni di unità, e una quota mondiale che passa dal 9,8 all’11,4%. Al quarto posto si piazza Xiaomi, che nel trimestre vede i volumi crescere del 125%, da 12,6 milioni a 28,3 milioni di smartphone. A pagare il prezzo del successo di Xiaomi è Oppo, quinta con consegne in calo da 27,6 a 24,1 milioni di unità e market share dal 7,8% al 7%.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5