Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

5G, accordo Go Internet-Linkem: più vicino lo sharing di frequenze sulla banda 3,5 Ghz

Votato dall’assemblea l’aumento di capitale di 4 milioni riservato a Linkem: le due società potranno trasformare l’attuale porzione di rete Wimax nelle Marche e in Emilia Romagna in una rete commerciale 5G ready

02 Mag 2018

Go Internet sottoscrive l’aumento di capitale di 4 milioni riservato a Linkem. Lo ha approvato l’assemblea degli azionisti che ha deliberato un “aumento del capitale sociale con esclusione del diritto di opzione, da offrire in sottoscrizione a Linkem”. L’operazione punta a unire le forze delle due aziende sul fronte delle frequenze e dà gambe all’accordo di frequency sharing grazie a cui le due società potranno trasformare l’attuale porzione di rete Wimax di Go Internet nelle Marche e in Emilia Romagna in una rete commerciale 5G ready, in grado di offrire “prestazioni paragonabili alla rete fissa in banda larga”.

Il tutto, in vista dell’ok alla proroga da parte di Agcom – non ancora arrivato, ma sulla buona strada – dei diritti d’uso al 2029 delle frequenze in banda 3.5 Ghz agli attuali detentori (oltre Go Internet e Linkem, anche Aria-Tiscali, Mandarin e Tim): si tratta di una “pista” spettrale particolarmente pregiata per la realizzazione del 5G. E “adiacente” alle bande che verranno messe all’asta 5G entro l’anno.

In particolare con l’aumento di capitale si punta a ottenere “le risorse in termini di frequenze radio e risorse finanziarie, necessarie per implementare una rete 5G ready, in overlay alla rete Wimax esistente, e permettere, quindi, la migrazione dei clienti Wimax alla nuova tecnologia 5G – dice l’azienda -. Ciò, peraltro, nel rispetto delle raccomandazioni dell’Agcom (di cui alla delibera n. 503/17/CONS) e al fine di dare seguito agli impegni assunti dalla Società con Linkem nell’ambito dell’Accordo di frequency sharing concluso in data 24 marzo 2018”.

Ancora, si punta a consentire (mediante la frequenza aggiuntiva che viene resa disponibile – per effetto dell’Accordo di frequency sharing – sulla esistente rete 4G/4.5G LTE) di poter auspicabilmente raddoppiare il numero di clienti nelle zone a elevato successo commerciale, senza dover provvedere a investimenti aggiuntivi in stazioni radio. Ciò consentirebbe, inoltre, di contenere la spesa per apparati di rete e, con elevata probabilità, di migliorare il ritorno sugli investimenti realizzati. Infine, l’obiettivo è “consolidare la presenza della Società sul mercato italiano di riferimento nelle regioni Marche ed Emilia Romagna e ampliare il bacino di utenti e aumentare il numero e la qualità dei servizi offerti”.

L’aumento verrà eseguito entro il 30 giugno 2018 mediante emissione di massime n. 2.857.142 azioni ordinarie, rappresentanti nel loro insieme una quota non superiore al 21,22% del capitale sociale della Società (le “Azioni di Nuova Emissione”), aventi le stesse caratteristiche delle azioni ordinarie GO internet in circolazione alla data di emissione, con esclusione del diritto di opzione, ai sensi dell’art. 2441, commi 5 e 6, cod. civ., da offrire in sottoscrizione a Linkem S.p.A. (l’“Aumento di Capitale”).

Il prezzo di sottoscrizione delle Azioni di Nuova Emissione è stato fissato in Euro 1,40 per azione (di cui Euro 0,10 da imputare a capitale ed Euro 1,30 a titolo di sovraprezzo), calcolato in base al valore del patrimonio netto e tenuto conto della media dei prezzi giornalieri delle azioni GO internet rilevati negli ultimi sei mesi.

L’aumento di capitale è volto a dare esecuzione all’accordo di investimento sottoscritto dalla Società con Linkem in data 24 marzo 2018 (il “Contratto di Investimento”). Per maggiori informazioni sul Contratto di Investimento, si rinvia al comunicato stampa del 26 marzo 2018.

L’Assemblea ha inoltre approvato il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2017.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

G
go internet
L
linkem

Articolo 1 di 5