Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LO STUDIO

Autunno caldo per le bollette, (altra) stangata sulle tariffe mobili

Analisi di SosTariffe.it: da questo mese in aumento del 28% il costo dei pacchetti per cellulari, ma la connessione domestica rimane (quasi) invariata. Rincaro contenuto per la pay Tv

02 Set 2019

L. O.

Autunno caldo per i prezzi di utenze e servizi in Italia. Toccano quota 7,9% i rincari medi, ma in particolare sarà la telefonia mobile ad aumentare il costo, con prezzi dei pacchetti che saliranno del 28,07%. Emerge dallo studio effettuato da SosTariffe.it secondo cui i settori più colpiti, oltre alle bollette dei cellulari, saranno l’Rc auto, le banche, l’abbonamento alla pay tv e le bollette della luce. Uniche voci “leggere” la connessione Internet fissa e le fatture del gas.

L’indagine, condotta ad agosto 2019 sulla base di preventivi e richieste pervenute a SosTariffe.it, prende in esame tre profili di consumo: il single, la coppia, la famiglia, ed è stata posta a confronto la variazione della spesa media annua sostenuta a gennaio 2019 con le previsioni per questo mese di settembre. Ne emerge che le coppie sono le più colpite dagli aumenti autunnali: la loro spesa annua media complessiva, tenuto conto di tutti i servizi esaminati dall’indagine (ovvero luce, gas, internet domestico, telefonia mobile, Rc auto, pay tv e conti correnti) è salita infatti del 7,94%, passando dai 3803,78 euro stimati a gennaio a 4105,66 euro.

Il rincaro più rilevante riguarda le bollette dei cellulari che aumentano del 28,08%. Nel caso di un single con pacchetto di 1000 minuti, 300 sms e 8 GB mensili, la spesa annuale sale a 311 euro contro i 243 ipotizzati a gennaio. Stessa “stangata” per le coppie: spesa media annua stimata di 623, 76 euro contro i previsti 487 euro. Le famiglie dovranno vedersela con una spesa di 935 euro contro i previsti 730.

Sul fronte Internet fisso settembre non sarà un mese di rincari per tutti. Spenderanno meno per navigare i single (ipotizzando che usufruiscano di un abbonamento solo internet) le cui bollette caleranno dai 360 euro di spesa media annua stimata a gennaio 2019 ai 330 euro di settembre (- 8, 33%). Non possono cantare vittoria invece le coppie abbonate a pacchetti internet più telefonate con scatto alla risposta. In questo caso, mentre a gennaio la spesa media annua prevista per le coppie era di 302,50 euro, a settembre le tariffe sono salite a 330, 35 euro (con aumenti significativi pari al 9,21%). Per le famiglie infatti le bollette di internet saranno appena più lievi. Si va infatti dai 408 euro annui stimati a gennaio, ai 407,76 di settembre (-0,06 %).

Rincari minori per la pay tv: un abbonamento a una piattaforma streaming tv per vedere serie tv – cinema o calcio, i prezzi saliranno da 189,46 euro di gennaio a 191,88 di settembre (con un aumento dell’1,28%.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3