L'ANNUNCIO

Rete unica Tim-Open Fiber: slitta la timeline del dossier

La telco guidata da Labriola: “Cdp Equity, Macquarie e Open Fiber hanno comunicato che il processo di valutazione attualmente in corso, data l’ampiezza della transazione e il tempo necessario ad analizzare tutta l’informazione ricevuta da Tim, richiede un’estensione”. Incontro in settimana per ridiscutere i termini

10 Ott 2022

Mila Fiordalisi

Direttore

merger, digital

Il dossier rete unica Tim-Open Fiber slitta oltre il 31 ottobre. E una nuova deadline in merito alla presentazione dell’offerta – a seguito del memorandum siglato lo scorso maggio per valutare il progetto di integrazione degli asset – sarà annunciata nei prossimi giorni.

Più tempo per analizzare il dossier

“Cdp Equity, Macquarie e Open Fiber hanno comunicato che il processo di valutazione attualmente in corso, data l’ampiezza della transazione e il tempo necessario ad analizzare tutta l’informazione ricevuta da Tim, richiede un’estensione della timeline indicativa originariamente discussa, e si sono detti pronti a ridiscuterla”, rende noto Tim. “Kkr ha dal canto suo confermato di voler restare allineata con Tim nella discussione sul Mou”, prosegue Tim annunciando che le parti s’incontreranno in settimana.

WHITEPAPER
Conversational e Customer Experience: come si fa la differenza?
Software
Telco

Smentiti i rumors sulla chiusura imminente

Smentite dunque le indiscrezioni secondo cui l’offerta sarebbe stata inviata “a ore” e ben prima della deadline del 31 ottobre addirittura per stringere sull’operazione con l’intento di “ostacolare” il futuro Governo. 

“Opinionisti” e “lobbisti” di vario genere si sono fatti portavoce di tesi sulla rete unica da apparecchiare alla tavola della politica, tirando la giacchetta a Giorgia Meloni e mettendola “in guardia” su mosse “segrete” dei cda per sparigliare le carte.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

P
Pietro Labriola

Approfondimenti

B
banda ultralarga
R
rete unica tim open fiber

Articolo 1 di 3