Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA REPLICA

Elliott rincara la dose: “Vivendi cinica ed egoista. Mossa dimissioni per mettere in stallo Tim”

Sette i consiglieri che hanno deciso di dimettersi a partire dal presidente de Puyfontaine. Il Fondo di Paul Singer lancia il j’accuse: “Ecco come i francesi trattano le minoranze”. Asati si schiera a favore degli americani: “Peggio di Vivendi niente nella storia di Telecom”

23 Mar 2018

Mila Fiordalisi

Condirettore

Non siamo sorpresi delle dimissioni di sette membri affiliati Vivendi. Incapace di entrare nel merito il board ha semplicemente abbandonato i proprio posti per creare una situazione di stallo”. All’indomani del cda di Tim che ha visto il fuggi fuggi dei consiglieri e in primis del presidente Arnaud de Puyfontaine, il fondo Elliott rincara la dose e affila le armi in vista dell’Assemblea convocata il 4 maggio prossimo per rifare tutto il cda. “E’ stata una mossa cinica ed egoista – sottolinea Elliott in una nota -. Un altro esempio di come i diritti delle minoranze non vengano tenuti in considerazione. Vivendi dovrebbe tenere conto della quarantennale esperienza di Elliott nella creazione di valore costante e nel sostenere impegni a lungo termine per esporre la governance inadeguata e catalizzare il cambiamento positivo. Gli investimenti di Elliot in Telecom Italia risalgono al 1999, ben prima dello sbarco di Vivendi come azionista della compagnia”.

Si schiera a favore del Fondo americano capitanato da Paul Singer l’associazione che rappresenta i piccoli azionisti, Asati. “”Peggio di Vivendi non c’è stato niente nella storia di Telecom, dalla privatizzazione con Colaninno e poi Tronchetti Provera, Telefonica e via dicendo: una gestione che è tra le peggior – evidenzia il presidente Franco Lombardi -.  Noi condividiamo molte delle scelte che ha proposto Elliott, però vorremmo parlarne anche con Elliott, vorremmo vederle più operativamente: noi tra due – tre giorni sceglieremo come votare, ma sicuramente non voteremo per Vivendi”.

Intanto ieri è stata ufficializzata l’uscita di scena di Giuseppe Recchi a partire. La vice presidenza dell’azienda e le deleghe sulla sicurezza passano nelle mani di Franco Bernabè, già consigliere indipendente dell’azienda. Una decisione che era nell’aria come anticipato dal nostro giornale.

Oltre al presidente Aurnau de Puyfontaine hanno rassegnato le proprie dimissioni i Consiglieri Camilla Antonini (componente del Comitato per il controllo e i rischi, indipendente), Frédéric Crépin (componente del Comitato Strategico e del Comitato per le nomine e la remunerazione), Felicité Herzog (componente del Comitato per il controllo e i rischi, indipendente),  Marella Moretti (componente del Comitato per il controllo e i rischi, indipendente) ed Hervé Philippe (componente del Comitato per le nomine e la remunerazione). Analoga comunicazione è stata fatta pervenire alla società anche da parte del consigliere Anna Jones (Presidente del Comitato per le nomine e la remunerazione, indipendente).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link