IL MONITORAGGIO

Internet mobile, Vodafone sul podio per velocità di download. Ecco chi sale e chi scende

Con una velocità di di 63 Mb/s l’operatore si aggiudica il primato per il quarto anno consecutivo nella classifica di nPerf. Ma su latenza e connessioni 4G è Tim a dominare. WindTre migliora la performance di 8mila punti, Iliad in recupero

25 Feb 2022

L. O.

apre

E’ Vodafone l’operatore che ha fornito il miglior servizio Internet mobile in Italia nel 2021. Emerge dalla classifica nPerf secondo cui l’operatore ha conseguito uno score complessivo di 77.052 punti, seguito da WindTre con 68.412, Tim con 65.996 e Iliad con 58.929.

Le prestazioni di Internet mobile in Italia, fa sapere nPerf, “sono migliorate significativamente, con buoni aumenti di velocità (soprattutto in downstream, ma anche permettendo agli upload di tornare ai livelli pre-pandemici)”. I tassi di prestazione per la navigazione web e lo streaming video sono rimasti relativamente stabili quest’anno. Infine, i tassi di connessione cellulare evidenziano il graduale passaggio al 4G+ e al 5G.

I 6 parametri della classifica

Sono 6 gli indicatori presi in considerazione: velocità di download e upload, latenza, navigazione, streaming e connessione 4G e 5G. I punti sono stati assegnati grazie all’incrocio dei dati raccolti dagli speedtest degli utenti.

INFOGRAFICA
I Trend 2022 per l’UC&C: come rendere smart la comunicazione aziendale
Cloud
Intelligenza Artificiale

Velocità di download e upload. Vodafone ha fornito la migliore velocità di download nel 2021, in tutte le tecnologie combinate aumentando la propria velocità del 68% (+26 Mb/s) rispetto al 2020, Iliad del 41% (+13 Mb/s). Anche in upload Vodafone mobile supera tutti mettendo dietro WindTre al secondo posto e Iliad al terzo, ultima Tim.

È stato un anno molto buono per le velocità downstream in Italia: tutti gli operatori combinati sono aumentati di 15 Mb/s, o +45%. In particolare, Vodafone ha aumentato la propria velocità del 68% (+26 Mb/s) rispetto al 2020, e Iliad del 41% (+13 Mb/s).

Nella “pagella” sulla latenza è Tim al primo posto con il valore più basso pari a 41,12 ms, al secondo posto Vodafone con 42,70 ms. Al terzo WindTre con 53,38 ms e, infine, ultima Iliad con 75,63 ms.

Iliad (62,29%) risulta l’operatore all’ultimo posto anche nell’analisi del test di navigazione che permette all’utente di misurare con precisione il tempo di caricamento dei 5 siti web più frequentati dagli internauti italiani ad esclusione di YouTube. Ancora primo invece Vodafone mobile (70,31%) che mette dietro Windtre (67,10%) e Tim (66,07%) vicinissimi nei risultati.

Il monitoraggio, spiega nPerf, “mostra come gli operatori siano riusciti a garantire lo browsing costante, indipendentemente dal numero di persone online”. Il miglior avanzamento rispetto al 2020 è per WindTre, che passa dall’ultimo al secondo posto della classifica.

Il videostreaming è ancora dominato da Vodafone che totalizza un tasso medio di performance dell’75,81% seguito da WindTre, Iliad e Tim.

Il test di streaming permette all’utente di misurare la qualità della visualizzazione di un video su YouTube. Viene presa in considerazione la qualità della rete tra l’utente e il server di YouTube. È calcolato tenendo conto di tutti i tempi necessari per caricare il video (prima o dopo la riproduzione.

Tasso di connessione 4G e 5G. Sul 4G domina Tim con un tasso del 91,33% seguito a breve distanza da Iliad con 91,19% e da Vodafone con 90,61%. WindTre segue con 82,34%.

Mentre sul 4G+ il tasso di connessione risulta abbastanza simile per Vodafone, Tim e Iliad, con un leggero e graduale calo nel corso dell’anno. Tuttavia, il declino di WindTre è stato più pronunciato da gennaio, ponendolo almeno 10 punti sotto i suoi concorrenti alla fine dell’anno. Infatti, l’aumento inversamente proporzionale del suo tasso di connessione 5G spiega chiaramente questo fenomeno. L’unico operatore che ha visto un aumento di questo tasso rispetto al 2020 è Iliad.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4