Zte-China Mobile, via alla protezione "multidimensionale" delle reti live - CorCom

INNOVAZIONE

Zte-China Mobile, via alla protezione “multidimensionale” delle reti live

La soluzione punta a una maggiore affidabilità dei network dedicati alla trasmissione di dirette in caso di guasti e collegamenti ad alto rischio. Calcolo smart del percorso e tutela dinamica del reindirizzamento al centro del nuovo sistema tecnologico

19 Nov 2020

L. O.

Zte annuncia di aver sviluppato, in collaborazione con la filiale di Xiamen di China Mobile, “la prima soluzione di protezione multidimensionale del settore” e di aver assunto un ruolo guida nella verifica della Slicing Packet Network nelle reti live.

Cosa prevede la soluzione

La soluzione include la protezione del tunnel SR-TP 1:1, la protezione dinamica del reindirizzamento, il percorso di fuga SR-BE e il calcolo intelligente del percorso basato sull’identificazione dei collegamenti ad alto rischio. E’ inoltre in grado di migliorare notevolmente l’affidabilità della rete, in caso di guasti multipli e di condizioni meteorologiche estreme.

Rileva, in tempo reale, i guasti di rete intra-dominio e di identifica i collegamenti ad alto rischio attraverso il controller distribuito del dispositivo e lo stato di guasto di tutta la rete attraverso il controller centralizzato del sistema di gestione e controllo. Inoltre, la soluzione, ha integrato varie tecnologie di protezione attiva e di standby, reindirizzamento e percorso di fuga per una protezione completa.

Le tecnologie utilizzate

La prima protezione è la protezione del tunnel SR-TP 1:1, che ha un tempo di commutazione di protezione deterministico inferiore a 50ms quando si verifica un guasto.

La seconda protezione è il reinstradamento dinamico. Quando si verificano guasti multi-punto, l’UME (Unified Management Expert) consente il reinstradamento automatico all’interno del dominio e attraverso il dominio, e la combinazione della tecnologia di reinstradamento e della protezione del tunnel SR-TP 1:1 porta una protezione “permanente 1:1”.

webinar -16 dicembre
5G e connettività a banda ultralarga: la priorità, anche dopo l'emergenza
Networking
Telco

La terza protezione è la protezione del percorso di fuga, che è indipendente dal sistema di gestione e controllo. Il dispositivo offre l’autoconvergenza alimentata dal protocollo SR-BE per formare un percorso di fuga. Quando l’elemento di rete interrompe la connessione con il sistema di gestione e controllo, il dispositivo interconnette automaticamente i servizi per un rapido recupero.

La quarta protezione è il calcolo intelligente del percorso basato sull’identificazione del collegamento ad alto rischio. L’analisi dei grandi dati dell’UME viene utilizzata per individuare i collegamenti ad alto rischio in anticipo, in modo che possano essere automaticamente evitati durante l’implementazione del servizio o il reindirizzamento.

La soluzione di protezione multidimensionale ha adottato la serie ZXCTN 6700 di ZTE, la serie ZXCTN6000 e il sistema di gestione e controllo intelligente di nuova generazione ZENIC ONE (UME) in un’unica rete, coprendo fino a 43 casi di utilizzo di scenari multi-fallimento nelle reti esistenti.

La soluzione può consentire un rapido ripristino del servizio in modo automatico durante tutto il processo, senza alcun intervento manuale, in caso di guasti a singolo punto, multipunto, intra-dominio, cross-dominio, o anche la disconnessione del sistema di gestione e controllo o del dispositivo SPN, quindi notevoli capacità di protezione del servizio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5