Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL REPORT

Aziende innovative, Apple detronizzata da Google e Amazon

Per la prima volta in 13 anni la società guidata da Cook scende al terzo posto fra le Top 50 della classifica Boston Consulting Group. L’Italia fuori graduatoria, ma aumenta il trend innovativo delle imprese

21 Mar 2019

L. O.

Innovazione priorità assoluta per le aziende italiane. Emerge dalla classifica annuale “The most innovative companies” di Boston Consulting Group secondo cui le imprese del nostro Paese, pur non rientrando fra le Top 50, stimano un aumento (rispetto al 2018) di investimenti a favore dell’innovazione anche a compensazione, si legge nel report, del “ritardo rispetto alla media in termini di impatto e perseguimento del digitale”.

Per la prima volta in 13 anni il leader storico Apple si posiziona al terzo posto, mentre Google e Amazon salgono rispettivamente al primo e al secondo. Microsoft e Samsung completano le prime cinque posizioni.

Se il 2018 aveva testimoniato il ritorno delle aziende europee in classifica, il 2019 conferma il trend positivo, registrandone 16 tra le prime 50, con 6 new entry (2 tedesche, 2 olandesi e due inglesi). Adidas è la prima europea al decimo posto, seguita da Basf e Siemens, rispettivamente al 12esimo e 16esimo.

Fra i trend regionali, il 41% di top manager europei considera l’innovazione una priorità contro il 33% degli intervistati dei paesi sviluppati. Il 61% degli indiani e il 43% degli intervistati cinesi ritiene che l’innovazione sia la priorità assoluta.

Tra i paesi oggetto di analisi, il Regno Unito e l’Europa mostrano la massima ambizione. Il 38% del Regno Unito e il 37% degli europei (escluso il Regno Unito) considerano l’innovazione la priorità assoluta. Al contrario, solo il 18% degli intervistati di Australia e Nuova Zelanda assegna all’innovazione il primo posto nella graduatoria. Nella top 50, è la prima volta dal 2010 che il sud America entra in classifica con la brasiliana Vale, l’ultima azienda sudamericana in lista è stata Petrobras nel 2010.

Dall’analisi emerge come l’importanza crescente della tecnologia digitale rimanga una forte tendenza per gli innovatori. Piattaforme tecnologiche, rapida adozione di nuove tecnologie, design digitale, big data, mobile e Intelligenza Artificiale i sei driver principali.

In particolare, l’Intelligenza Artificiale è un fattore trainante: il 30% dei manager si aspetta che l’AI sia tra le aree di innovazione con il maggiore impatto sulle loro imprese nei prossimi 3-5 anni.

L’aumento dell’uso dell’AI è uno dei fattori che stimolano l’interesse per le piattaforme e gli ecosistemi. I leader dell’AI affermano di avere maggiori probabilità di utilizzare fornitori esterni per i progetti di AI, con il 36% che si affida interamente a fornitori esterni e un altro 48% che utilizza principalmente servizi esterni o un mix o capacità interne ed esterne.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
amazon
A
apple
G
google

Articolo 1 di 2