SCENARI

Frenata storica per Facebook: crescita “lenta” fino al 2025

Le stime di E-marketer: dopo il +3,3% registrato nel 2020 l’outlook è dell’1% sul 2021 negli Usa. I giovani sempre meno attratti e si prevede che 2 milioni abbandoneranno la piattaforma in 5 anni. Pesa anche la mossa anti-tracciamento di Apple

15 Giu 2021

L. O.

facebook-161104165259

Battuta d’arresto per Facebook. Quest’anno per la prima volta la crescita negli Usa della piattaforma di Mark Zuckerberg si attesta sullo 0,8% anno su anno. Un rallentamento, spiega E-marketer, dovuto in gran parte alla crescita superiore al previsto – il 3,3% – registrata lo scorso anno, guidata dai cambiamenti nei consumi dei media durante la pandemia. Di conseguenza Facebook dovrà fare i conti con una crescita degli utenti più lenta almeno fino al 2025.

I fattori che rallentano la crescita

Non solo post-pandemia, però. Tra i fattori del rallentamento anche i dati demografici degli utenti. Prosegue infatti la “fuga” di giovani: il numero di utenti di età compresa tra 12 e 17 anni scenderà da 10 milioni del 2019 ai 9,1 di quest’anno, fino agli 8,2 milioni entro la fine del 2025.

WHITEPAPER
Perchè dovresti sfruttare il CRM per un marketing basato sull'esperienza
CRM
Marketing

Il numero di utenti ancora più giovani – tra i 18 e i 24 anni – scenderà da 20 milioni nel 2019 a 19,1 milioni quest’anno, fino a 17,8 milioni nel 2025.

Inoltre quest’anno, per la prima volta, ci saranno più utenti social di età pari o superiore a 65 anni di quelli fra i 55 e i 64 anni. Entro il 2023, gli utenti over65 supereranno anche gli under24.

Ma il primato rimane incontrastato

Ma anche così, ribadisce E-marketer, Facebook manterrà una penetrazione del 61% degli utenti Internet statunitensi fino alla fine del 2025, nonché la sua posizione di social network n. 1 in base agli utenti mensili totali. Al secondo posto Instagram – di proprietà di Facebook – con 118,9 milioni di utenti mensili previsti quest’anno, seguita da Pinterest con 91,1 milioni. Snapchat e TikTok completano le Top Five dei social.

L’impatto dell'”offensiva” Apple

Un altro fattore che gioca a sfavore della piattaforma, sempre negli Usa, potrebbe essere rappresentato dalla decisione di rendere permanente l’”interdizione” dell’ex presidente Donald Trump: il 50% degli adulti statunitensi intervistati dal Pew Research Center ad aprile ritiene che il divieto non dovrebbe essere permanente, contro il 49% che pensa l’opposto.

Anche il lancio di iOs 14.5, l’aggiornamento del sistema operativo di Apple che consente agli utenti di gestire il tracciamento, potrebbe giocare a sfavore della social. Ma su questo fronte i dati sono ancora contrastanti: secondo un sondaggio effettuato da SellCell, mercato online per la vendita di dispositivi mobili usati, il 39% degli utenti statunitensi di iPhone o iPad dichiara di acconsentire al tracciamento se effettuato da un’app “nota” come Facebook o Instagram. Ma secondo un altro studio condotto da Flurry (unit di Verizon), solo il 5% degli utenti iOs 14.5 ha optato per il tracciamento.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4