Il Nyse mette gli occhi su eBay: offerta da 30 miliardi di dollari - CorCom

L'OPERAZIONE

Il Nyse mette gli occhi su eBay: offerta da 30 miliardi di dollari

Secondo il Wall Street Journal l’Intercontinental Exchange (Ice) è interessata ad acquisire l’attività di e-commerce. Intanto il sito di aste online continua la revisione strategica del busineess e apre la caccia al ceo

05 Feb 2020

Patrizia Licata

giornalista

EBay potrebbe essere acquisita da Intercontinental Exchange (Ice), la società proprietaria della New York Stock Exchange: secondo quanto riporta il Wall Street Journal, Ice ha presentato un’offerta per comprare l’attività e-commerce di eBay. Positiva la reazione del mercato per quanto riguarda l’azienda delle aste e delle vendite online: il titolo eBay si è apprezzato dell’8,7%. La notizia ha invece fatto crollare del 7,4% il titolo Ice.

Il WSJ ha scritto che le due aziende non hanno avviato trattative formale sull’eventuale takeover e non è detto che eBay voglia accettare un accordo del genere. EBay verrebbe valutata circa 30 miliardi di dollari, secondo il quotidiano finanziario; la capitalizzazione di mercato dell’azienda è di 28 miliardi.

Dopo le indiscrezioni pubblicate dal WSJ l’Ice ha confermato all’agenzia Reuters di aver contattato informalmente i vertici di eBay per “esplorare una serie di potenziali opportunità”.

Interessa il marketplace

I top manager di Ice avrebbero contattato i vertici di eBay indicando l’intenzione di comprare il suo marketplace online ma non l’attività dei piccoli annunci (classified). Nella prima la società proprietaria della Borsa newyorkese intravede la possibilità di usare la sua esperienza per i collegamenti fra acquirenti e venditori sulla piattaforma di vendite online. Ice vuole anche diversificare le sue attività per allentare le pressioni del regolatore Usa, che spinge la società del Nyse a ridurre o addirittura eliminare le commissioni che oggi fa pagare per gestire i mercati finanziari.

WHITEPAPER
Le 10 regole per migliorare la gestione fornitori
Acquisti/Procurement
Retail

eBay nel guado

Ieri l’hedge fund Starboard Value scriveva in una nota che eBay dovrebbe vendere il business degli annunci per concentrarsi sulla crescita dell’attività di e-commerce. EBay ha commentato dicendo che prenderà in considerazione quanto scritto da Starboard all’interno delle sue valutazioni sulle future opportunità di “crescita e creazione di valore”.

EBay continua a perdere quote di mercato sotto i colpi della concorrenza di Amazon. A settembre l’azienda ha annunciato le dimissioni del suo chief executive officer Devin Wenig, un segnale che per molti commentatori indica un prossima rivoluzione nelle strategie dell’azienda dell’e-commerce e delle aste online, con potenziale vendita di alcuni asset. Il chief financial officer e senior vice president Scott Schenkel è stato nominato ceo ad interim mentre il Cda cerca un nuovo numero uno prosegue la revisione strategica del business.

Tra gli asset oggetto di valutazione c’è proprio eBay Classifieds Group, l’attività legata ai piccoli annunci che soffre la concorrenza di piattaforme come Craigslist. Il fondo Elliott Management, in particolare, pressa eBay a liberarsi di questa attività poco redditizia, che valuta fra gli 8 e i 12 miliardi di dollari.

Un’altra attività non core, StubHub, il più grande sito di compravendita di biglietti online per competizioni sportive, concerti, opere teatrali e altri eventi dal vivo è stata venduta alla svizzera Viagogo per 4,05 miliardi di dollari lo scorso novembre.

Per rilanciarsi sul fronte e-commerce eBay ha lanciato l’anno scorso nuovi strumenti per facilitare la creazione delle inserzioni basandosi su machine learning e analisi predittiva (disponibili anche in Italia) e che ridisegnano soprattutto l’esperienza di vendita mobile, sempre più importante sia per chi compra che per chi vende. L’azienda sta cercando inoltre di potenziare la presenza nell’advertising e nei pagamenti per bilanciare le perdite nel ramo e-commerce.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

E
ebay

Approfondimenti

E
ecommerce