Jeff Bezos lascia Amazon, dal 5 luglio il timone ad Andy Jassy - CorCom

CAMBIO AL VERTICE

Jeff Bezos lascia Amazon, dal 5 luglio il timone ad Andy Jassy

Il fondatore del colosso dell’e-commerce formalizza il passaggio di consegne al capo dell’area cloud computing e passa alla presidenza esecutiva del board

27 Mag 2021

Domenico Aliperto

Jeff Bezos lascerà la guida di Amazon il 5 luglio. Lo ha annunciato lo stesso fondatore e Ceo del gigante dell’ecommerce durante l’assemblea annuale degli azionisti. Il timone passerà al capo dell’area cloud computing Andy Jassy, mentre Bezos diventerà presidente esecutivo del board di Amazon, continuando ad occuparsi anche del Bezos Earth Fund e della compagnia spaziale Blue Origin. L’annuncio dell’addio era già stato dato a febbraio, ma non si sapeva ancora la data esatta del passaggio di consegne e, soprattutto, il successore. “Abbiamo scelto quella data perché è importante per me, è il giorno in cui Amazon è stata fondata nel 1994, esattamente 27 anni fa”, ha detto Bezos.

Le sfide di Andy Jessy

Gli osservatori del resto avevano già ipotizzato che Jassy o Jeff Wilke (che si è ritirato dal suo incarico come capo del business globale Consumer di Amazon lo scorso agosto) sarebbero potuti succedere a Bezos. “Ha gli standard più elevati e garantisco che Andy non lascerà mai che l’universo ci renda tipici”, ha detto Bezos parlando di Jassy. “Ha l’energia necessaria per mantenere vivo in noi ciò che ci ha resi speciali”.

WHITEPAPER
Scopri Digital Workspace: la guida ai servizi gestiti che abilitano lo smart working!
CIO
Dematerializzazione

A Bezos è stato chiesto se Amazon avrà problemi a innovare ora che è diventata così grande e diversificata. Il manager ha riconosciuto che Amazon sotto il suo nuovo leader dovrà gestire una serie di sfide che non hanno alcuna garanzia di successo, compreso il servizio di telemedicina Amazon Care e la rete Internet satellitare Project Kuiper. “Vi assicuro, posso garantirvi che nessuna di queste idee è garantita per funzionare”, ha detto Bezos. “Sono tutti investimenti giganteschi e sono tutti rischi … L’unico modo per ottenere rendimenti superiori alla media è assumersi dei rischi e molti non pagheranno. La nostra intera storia come azienda riguarda l’assunzione di rischi, molti dei quali hanno fallito e molti dei quali falliranno, ma continueremo a correre grandi rischi”.

Le risposte alle critiche

La Cnbc riporta anche le dichiarazioni rispetto alle critiche secondo cui Amazon è diventata troppo grande e troppo potente. Bezos ha respinto questa tesi, sostenendo che il gruppo deve affrontare un’intensa concorrenza in ogni settore in cui opera, incluso il suo core business di vendita al dettaglio, dove il mercato è “fiorente”. I consumatori possono fare acquisti presso dozzine di grandi rivenditori nazionali, centinaia di rivenditori regionali, centinaia di migliaia di piccoli rivenditori sia online che in negozio”, ha detto Bezos. “È un settore molto sano e siamo ancora una piccola frazione del commercio al dettaglio.”

Anche il settore It, un altro mercato in cui Amazon compete tramite i suoi servizi di cloud computing, continua ad avere una sana concorrenza, ha affermato Bezos. “Dobbiamo affrontare la competizione con aziende consolidate come Google, Oracle e Microsoft, e di nuovi arrivati incredibilmente di successo che fanno un ottimo lavoro e crescono a ritmi incredibilmente rapidi, come Snowflake e Twilio“.

Questa settimana Amazon è stata citata in giudizio dal procuratore generale di Washington DC, per presunta partecipazione a pratiche anticoncorrenziali che avrebbero ingiustamente aumentato i prezzi per i consumatori e soppresso l’innovazione. La società deve inoltre affrontare indagini in corso da parte di più agenzie federali, procuratori generali statali e l’organismo di vigilanza antitrust europeo. Laddove le autorità di regolamentazione hanno colto una presunta mancanza di concorrenza nel settore della vendita al dettaglio, Bezos ha suggerito che i consumatori hanno molta meno scelta in altri mercati. “Pensate ai sistemi operativi dei telefoni cellulari”, ha detto Bezos. “Riuscite a immaginare qualche sistema operativo per telefoni cellulari di successo, piccolo e in rapida crescita? Dove sono? Nominatene uno. Non esistono.”

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5