La Cina contro Wikimedia, è di nuovo pugno duro: fuori dai trattati internazionali - CorCom

IL CASO

La Cina contro Wikimedia, è di nuovo pugno duro: fuori dai trattati internazionali

Scatta per la seconda volta il veto contro l’ingresso della Fondazione come “osservatore” presso il Wipo, l’agenzia Onu che gestisce le convenzioni su copyright e brevetti. Al centro le tensioni con Taiwan

06 Ott 2021

L. O.

La Cina contro Wikimedia, la fondazione Usa che gestisce Wikipedia. Per la seconda volta il governo di Xi Jinping blocca l’accreditamento dell’ente alla Wipo – World Intellectual Property Organization – l’agenzia delle Nazioni Unite che sviluppa trattati internazionale su copyright, brevetti, marchi commerciali.

Cina-Wikimedia, le ragioni dietro il veto

Già nel gennaio 2020 la Cina risultò l’unico paese ad opporsi ufficialmente all’accreditamento di Wikimedia Foundation come osservatore ufficiale. Wikimedia Foundation presenterà di nuovo la sua candidatura per il ruolo di osservatore ufficiale nel 2022, ma Wipo potrà ammetterla solo se la Cina deciderà di ritirare il proprio veto.

WHITEPAPER
Quali sono le prospettive del futuro per il lavoro agile?
Digital Transformation
Risorse Umane/Organizzazione

Le motivazioni presentate dalla Cina consistono nel sostenere che i progetti collegati a Wikimedia contengono contenuti errati e favoriscono disinformazione in merito alla politica del “One-China-principle” che vede Taiwan come parte della Cina.

Il gruppo di Paesi industrializzati del Wipo ha espresso il proprio supporto alla candidatura di Wikimedia Foundation, tra questi gli Stati Uniti, diversi Stati membri dell’Unione Europea, Australia, Canada, la Santa Sede, Israele, Giappone, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, Turchia e Regno Unito. Poiché il voto deve essere unanime, ogni Paese può porre il veto sulle richieste di accreditamento di organizzazioni non governative.

L’attività di Wipo

L’attività di Wipo nell’elaborare regolamenti internazionali che hanno ripercussioni sulla condivisione di conoscenza libera, influenza anche la capacità di Wikipedia di fornire a centinaia di milioni di persone informazioni nella propria lingua madre.

“L’assenza di Wikimedia Foundation da questi meeting priva le nostre comunità di un’opportunità per partecipare a questi processi”, dice Amanda Keton, consigliere generale della Wikimedia Foundation.

Un vasto numero di organizzazioni internazionali e non-profit, come anche di compagnie private, sono osservatori ufficiali dei dibattiti e dei procedimenti di Wipo. Questi gruppi esterni offrono conoscenza tecnica, esperienza sul campo e varietà di opinione, che aiutano Wipo a svolgere il proprio mandato globale. Molte di queste organizzazioni hanno dei soci a Taiwan.

Copyright e proprietà intellettuale

“La Wikimedia Foundation – continua Keton – fa funzionare Wikipedia, una delle più popolari fonti di informazione per le persone di tutto il mondo. La sua esclusione crea un precedente preoccupante per altre organizzazioni, con o senza scopo di lucro, che si impegnano per promuovere l’accesso all’informazione, alla cultura e all’educazione. Rinnoviamo il nostro appello ai membri di Wipo, Cina compresa, ad approvare la nostra candidatura. La comunità internazionale deve assicurare la significativa partecipazione della società civile ai forum delle Nazioni Unite”.

“Wipo è un’istituzione che regolamenta il diritto d’autore a livello mondiale – spiega Iolanda Pensa, presidente di Wikimedia Italia –. Come Wikimedia Italia, grazie ai nostri volontari, seguiamo le sue attività da oltre dieci anni, appoggiamo il movimento di riforma di Wipo lanciato dalla dichiarazione di Ginevra del 2004 e abbiamo sottoscritto la dichiarazione a favore di una Organizzazione Mondiale della Ricchezza Intellettuale. Lavoriamo tutti i giorni per avvicinare il copyright ai bisogni di tutte le persone, quelle stesse che cercano informazioni su Wikipedia e partecipano a scriverla e migliorarla. Ci rattrista che Wikimedia Foundation non possa unirsi ufficialmente al gruppo di osservatori che presso Wipo tutela l’interesse generale della conoscenza libera”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4