Quanto è smart una città? Enel X lancia il Circular City Index - CorCom

ECONOMIA SOSTENIBILE

Quanto è smart una città? Enel X lancia il Circular City Index

Digitalizzazione, ambiente ed energia, mobilità e rifiuti: sono i parametri utilizzati dal nuovo strumento che consente alle Pubbliche amministrazioni di individuare punti di forza e aree critiche delle municipalità. Calderara di Reno si aggiudica (al momento) il punteggio più alto

29 Set 2021

L. O.

Fa leva sugli open data il nuovo strumento che consentirà ai Comuni italiani di misurare il livello di circolarità urbana e individuare le aree di forza e di miglioramento. Si tratta del “Circular City Index”, sviluppato da Enel X in collaborazione con il dipartimento di Economia e Statistica dell’Università di Siena.

Come funziona il nuovo indice

Per definire il livello di circolarità urbana vengono analizzati quattro ambiti chiave: digitalizzazione, ambiente ed energia, mobilità e rifiuti. Per ciascuno di essi vengono attribuiti punteggi – definiti in base a confronti con normative o linee guida nazionali ed europee – che valutano il grado di implementazione di politiche e infrastrutture che abilitano il territorio ad avviare una transizione in ottica di economia circolare.

WHITEPAPER
Smart Transportation: che ruolo hanno IoT e big data in questo scenario?
IoT
Logistica/Trasporti

II “Circular City Index” è uno strumento unico nel panorama italiano e internazionale, accessibile esclusivamente alle pubbliche amministrazioni previa registrazione sul portale YoUrban, il portale di Enel X dedicato alle municipalità.

La soluzione è disponibile gratuitamente per tutti i comuni italiani, anche quelli di piccole e medie dimensioni grazie alla sua flessibilità che permette di bilanciare e pesare le diversità territoriali e demografiche dei singoli perimetri urbani oggetto di analisi.

Uno strumento a disposizione dei Comuni

“Lo sviluppo del Circular City Index – commenta Francesco Venturini, Ad di Enel X – fa parte di un programma avviato da Enel X per rendere la sostenibilità e l’economia circolare disponibili a tutti attraverso l’utilizzo di Open Data, risorsa preziosa quanto frammentata, da elaborare e restituire alla collettività tramite indicatori ottenuti grazie a modelli sviluppati ad hoc e validati dai più prestigiosi centri di ricerca. In questo modo supportiamo le città a diventare sempre più sostenibili fornendo strumenti di analisi basati su metodo scientifico”.

La maggior parte degli studi relativi alla sostenibilità è focalizzata sulle grandi conurbazioni, ma in Italia solo il 23% della popolazione vive in città con più di 100mila abitanti, mentre il resto vive in comuni medio/piccoli. Il Circular City Index è in grado di rispondere alle esigenze delle PA e di renderle consapevoli sul loro stadio di maturità circolare.

Calderara di Reno città più virtuosa

Alcuni risultati: dall’indice emerge che il comune con il Circular City Index più alto è Calderara di Reno, in provincia di Bologna, 13.400 abitanti circa. Nell’analisi complessiva inoltre si evidenzia come i comuni con popolazione superiore a 100mila abitanti registrino in media livelli più alti in termini di digitalizzazione, ma valori inferiori ai piccoli comuni (con meno di 10.000 abitanti) per quanto riguarda la gestione dei rifiuti.

Il Circular City Index è una tappa ulteriore nel percorso avviato da Enel X per lo sviluppo di soluzioni digitali per le città. Lo scorso anno Enel X, in partnership con Here Technologies, ha lanciato “City Analytics – Mappa di Mobilità”, con cui ha supportato le istituzioni con indicatori utili per le analisi delle misure di lockdown e per la definizione di politiche di ripresa delle attività. Questa soluzione è parte di City Analytics, un insieme di strumenti realizzati da Enel X per le Pubbliche amministrazioni a supporto della pianificazione urbana. Il servizio fornisce una mappatura dei macro-flussi di mobilità sul territorio italiano, basandosi sull’analisi dei dati anonimizzati e aggregati, provenienti da veicoli connessi, mappe e sistemi di navigazione, elaborati in correlazione con location data provenienti da applicazioni mobile e open data della PA.

@RIPRODUZIONE RISERVATA