Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LAVORO

Italiaonline, in campo la Toscana: “Piena attenzione sui licenziamenti”

La Regione incontra i sindacati e assicura la propria presenza al tavolo Mise di mercoledì. Tra le sedi di Firenze, Livorno e Pisa e le aziende collegate nella vicenda sono coinvolti circa 150 addetti, molti dei quali ad alta specializzazione

09 Apr 2018

“Piena attenzione” sulle ricadute locali per la Toscana della ristrutturazione che riguarda Italiaonline. La società, che ha la sua sede principale a Torino ma nella Regione del centro Italia conta su circa 150 addetti tra le sedi di Firenze, Livorno, Pisa e le aziende collegate, ha annunciato e poi congelato nelle scorse settimane 400 licenziamenti su scala nazionale, mentre mercoledì è previsto il tavolo di confronto al Mise per valutare la situazione e le possibili vie d’uscita.

Su richiesta delle organizzazioni sindacali, il consigliere della Presidenza per le questioni del lavoro, Gianfranco Simoncini, si legge in una nota dell’amministrazione, ha incontrato i rappresentanti di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcem Uil per fare il punto della situazione ed ascoltare le loro richieste.

I responsabili sindacali, sottolinea il comunicato, hanno riferito del confronto in atto a livello nazionale evidenziando che circa 700 lavoratori, in tutta Italia, sono interessati dall’utilizzo di ammortizzatori sociali. Di questi, circa 300 sono a zero ore e gli altri 400 o poco meno utilizzano la cassa integrazione a rotazione.

Nel corso dell’incontro con la Regione, nell’evidenziare le preoccupazioni per i risvolti che la crisi aziendale potrebbe avere anche a livello locale, i rappresentanti sindacali hanno chiesto la tutela dell’azienda in Toscana evidenziando il “livello qualitativo dell’occupazione” e la possibilità, eventualmente, di riallocare in forma concordate i lavoratori in cassa integrazione in aziende del medesimo gruppo che dovessero assumere nuovo personale.

Simoncini ha garantito “piena attenzione” alla vicenda Italiaonline e ha assicurato che “la Regione sarà presente dopodomani al Ministero dello Sviluppo economico“.

Il piano dell’azienda, che conta su circa mille dipendenti in tutto, prevede 400 tagli su tutto il territorio nazionale. L’intervento più consistente riguarderà la sede torinese dove operano attualmente 489 dipendenti: di questi 241 saranno trasferiti a Milano dove c’è il quartier generale di Italiaonline mentre 248 sono stati dichiarati esuberi strutturali. Altri 152 esuberi sono previsti nelle altre 10 sedi dell’azienda.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5