IL REPORT

Influencer italiani più virtuosi, cala la pubblicità “occulta”

Buzzoole: è Instagram la piattaforma che ospita il maggior numero di post “trasparenti”. Nel fashion l’aumento maggiore di hashtag come #adv e #sponsored. Il minore nel turismo

10 Mar 2020

L. O.

Influencer Marketing, è Instagram la piattaforma social che ospita più post “trasparenti” – quelli cioè che dichiarano apertamente l’obiettivo “pubblicitario”. Al secondo posto Twitter e, in terza posizione, Facebook. Emerge dall’analisi effettuata dall’Osservatorio di Buzzoole, secondo cui nel 2019 sono stati 265.339 i post in lingua italiana contenenti gli hashtag #ad, #adv, #sponsorizzato, #sponsored, #inserzioneapagamento, #prodottofornitoda, #pubblicità, #advertising, in crescita del 49% rispetto all’anno prima. A loro volta hanno generato 274 milioni di interazioni.

Fashion e Beauty i settori più trasparenti

L’analisi mette in luce i settori che si sono distinti nell’utilizzo degli hashtag della trasparenza: la moda (abbigliamento e calzature) si mostra il mercato più attento con il 30% dei post prodotti. A seguire il beauty con una percentuale pari al 17,4% e accessori (borse, orologi e gioielli) con l’11%, entrambi in discesa rispetto al 2018 rispettivamente di oltre tre punti percentuali e 2,4 punti. Più in basso i contenuti afferenti ai mondi dell’intrattenimento che pesano circa il 9% (cinema, tv, gaming, leisure), quelli delle bevande (6,4%), del cibo (5,9%), della tecnologia (5,7%). Tra i settori meno trasparenti quello dei motori (2,9%) e del turismo (2%).

In relazione ai volumi sviluppati mese per mese si nota una concentrazione delle attività trasparenti nel periodo pre-estivo con un picco a maggio di oltre 32.500 menzioni. Instagram rimane la piattaforma che registra il maggior numero di post trasparenti con il 69%, seguita da Twitter con il 25% e Facebook con il 6%. Per quanto riguarda invece le fonti delle interazioni, il 98% si è sviluppato su Instagram, segno che questa piattaforma si conferma anche nel 2019 il luogo più attrattivo per compiere attività di Influencer Marketing.

La trasparenza nella comunicazione è una delle sfide che si trovano ad affrontare gli operatori dell’Influencer Marketing, aziende, intermediari, creator. “In gioco – fa sapere Buzzoole – c’è la credibilità di questa leva di marketing che sta continuando a crescere sensibilmente nel nostro Paese e nel mondo”.

FORUM PA 6 - 11 LUGLIO
La comunicazione nell’emergenza ai tempi dell’infosfera
Marketing

Buzzoole misura lo stato della trasparenza in Italia, anche attraverso la partecipazione ai tavoli di lavoro degli enti di regolamentazione. In quest’ottica, l’azienda ha inaugurato nel 2018 l’Osservatorio sul tracciamento delle campagne di Influencer Marketing con lo scopo di analizzare l’andamento del mercato nei diversi settori e fornire ai brand i giusti strumenti per l’implementazione delle proprie campagne.

Chi sono i maggiori influencer

Anche per quanto riguarda il 2019, vengono attribuiti a Fedez i post che hanno ottenuto più interazioni. Al primo posto una gallery in compagnia della moglie, Chiara Ferragni, creata per sponsorizzare Fendi, che ottiene oltre 570.000 like. Al secondo posto, invece, una foto scattata con un Samsung Galaxy S10 che totalizza oltre 540.000 like. Sul podio anche Elettra Lamborghini che, in occasione della sua partecipazione a The Voice of Italy, ha pubblicato una foto per pubblicizzare i prodotti Mac Cosmetics ottenendo circa 475.000 like.

“Questa crescita delle campagne trasparenti è un segnale di una maggiore consapevolezza che fa ben sperare per il futuro, anche se rimane difficile tracciare le attività opache di Influencer Marketing, come quelle realizzate nelle Storie su Instagram, ma l’impegno di tutti gli attori della filiera potrà sicuramente migliorare il settore”, commenta Vincenzo Cosenza, Head of Marketing di Buzzoole. “Buzzoole crede che la trasparenza sia un valore per brand e influencer, per questo in tutte le campagne veicolate attraverso la nostra piattaforma tecnologica vengono automaticamente aggiunti gli hashtag appropriati”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3