Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TRIMESTRALE

Per Comcast utili in crescita grazie al broadband, giù la pay-tv

Il colosso della tv via cavo continua a perdere abbonati (-140 mila), mentre crescono i clienti Internet (+260 mila). Grazie alle attività su banda larga, che bilanciano le perdite del settore via cavo, il gruppo ha chiuso il trimestre con utili in crescita del 28% e ricavi a quota 21,735 miliardi

27 Lug 2018

Giorgia Pacino

Ci pensano le attività broadband a risollevare i conti di Comcast. Il colosso statunitense della tv via cavo continua a soffrire le perdite di abbonati, giunte al quinto trimestre di fila. Gli utili e i ricavi del gruppo sono però in rialzo: merito della crescita delle attività su banda larga che hanno controbilanciato le perdite del settore via cavo.

Comcast ha deciso di premiare i soci con una cedola trimestrale di 19 centesimi per titolo. Sarà pagata il prossimo 24 ottobre a chi risulterà azionista il 3 ottobre. Il colosso media,già proprietario dei canali televisivi Nbc, Cnbc, Msnbc e dello studio cinematografico Universal, a inizio mese ha deciso di rinunciare alle mire sugli asset di intrattenimento della 21st Century Fox, gli stessi che il gruppo di Rupert Murdoch aveva già promesso a Walt Disney. La sfida con l’impero del magnate australiano non è però finita: Comcast punta a prendere il controllo della britannica Sky, la piattaforma tv pan-europea. Fox ne detiene già una quota del 39%, ma mira al controllo della totalità delle azioni. I buoni risultati fatti registrare da Sky ieri, in termini di crescita degli utili e dei ricavi, potrebbe riaccendere la guerra di rilanci tra i due colossi dei media.

Gli utili trimestrali di Comcast sono saliti di circa il 28%, dai 2,52 miliardi dello stesso periodo dell’esercizio precedente agli attuali 3,22 miliardi di dollari. Al netto di voci straordinarie, gli utili per azione sono stati di 69 centesimi, sopra le stime degli analisti ferme a 60 centesimi. I ricavi sono saliti del 2,1%, raggiungendo quota 21,735 miliardi. Ancora non abbastanza per superare i 21,857 miliardi attesi dal mercato.

Anche sul fronte clienti, è la rete a spingere su i numeri di Comcast. Nel periodo preso in esame, si sono aggiunti 260 mila clienti Internet, con un rialzo del 49% rispetto ai 175 mila conquistati un anno prima. Tuttavia, l’azienda ha perso 140 mila abbonati alla tv via cavo. Come altri fornitori di servizi tv via cavo, il gruppo soffre sempre di più la concorrenza dei servizi di video streaming come Netflix, Hulu, Amazon e YouTube.

L’emorragia di spettatori della tv via cavo non accenna a diminuire. La società di ricerca eMarketer ha stimato che nel 2018 gli americani adulti che cancelleranno i loro abbonamenti alla pay-tv saliranno del 32,8%. Vuol dire che altre 8 milioni di persone abbandoneranno il servizio, facendo arrivare a 33 milioni il numero di utenti che lo hanno già disattivato. Intanto, in Borsa il titolo Comcast al Nasdaq sale del 2,6% a 34,30 dollari, portando a un calo del 14% la performance 2018 e a un -12% quella degli ultimi 12 mesi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5