IL DECRETO IN GAZZETTA

Carta di identità elettronica: nuove funzioni e più accesso ai servizi

La Cie diventa sempre più strumento di identità digitale. L’obiettivo è ampliarne il raggio di azione e si punta anche a “sganciare” la carta dagli sportelli fisici. Fra le novità il recupero del puk senza doversi recare in Comune

06 Ott 2022

Veronica Balocco

carta-identità-digit-160302115117

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del ministro dell’Interno, di concerto con il ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale e il ministro dell’Economia e delle finanze, che disciplina le modalità di impiego della carta di identità elettronica, quale strumento di identità digitale (CIEId).

Con l’adozione del provvedimento, – fa sapere il ministero dell’Interno – la carta di identità elettronica diventa uno strumento digitale più semplice con il quale il cittadino può ancor più agevolmente accedere ai servizi in rete erogati dalle pubbliche amministrazioni e dai privati.

Tre livelli di autenticazione

Il provvedimento prevede la possibilità di utilizzare l’identità digitale con tre livelli di autenticazione informatica: normale, significativo ed elevato, corrispondenti ai livelli 1, 2 e 3. I cittadini potranno accedere più facilmente ai servizi con CIEId, in base al livello di sicurezza richiesto dai fornitori di servizi. Questo consentirà una notevole semplificazione non appena sarà disponibile sul portale cartaidentita.it la funzionalità di configurazione delle credenziali. Attraverso il portale sarà possibile aggiornare i dati personali, visualizzare le operazioni effettuate con la propria identità CIEId e, in seguito, sarà anche possibile manifestare il consenso o il diniego alla donazione di organi e tessuti in caso di morte. L’accesso ai servizi in rete da parte dei minorenni sarà gestito dal CIEId Server in modo da agevolare il controllo genitoriale.

WHITEPAPER
Banking, come creare valore con l’AI conversazionale
CIO
Finanza/Assicurazioni

Il cittadino in possesso della Cie, che ha associato alla propria identità digitale un indirizzo di posta elettronica o un numero di telefonia mobile, potrà anche recuperare online il codice apposito (puk), senza doversi recare allo sportello del comune. Le nuove funzionalità della carta di identità elettronica, la cui realizzazione sarà affidata all’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, renderanno l’identità digitale CIEId uno strumento completo, di facile utilizzo, a disposizione di tutti i cittadini.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5