IL REPORT DI FINE ANNO

Servizi pubblici digitali, in Italia balzo del 92% degli accessi grazie alla Cie

Ammontano a 41 milioni le carte di identità elettroniche, 8,3 milioni in più nel 2023. Il ministro Piantedosi: “Traguardo importante per la sicurezza dei cittadini”. Il sottosegretario Butti: “La Cie chiave essenziale, semplifica la vita e contribuisce all’efficienza amministrativa”

Pubblicato il 29 Dic 2023

cie_1

Sono oltre 41 milioni gli italiani che possiedono la Carta di Identità Elettronica (Cie), il documento d’identità emesso dal Ministero dell’Interno con la collaborazione del Dipartimento per la Trasformazione Digitale e realizzato dal Poligrafico e Zecca dello Stato. L’incremento nell’uso di questo strumento rispetto al 2022 è notevole: gli accessi ai servizi pubblici digitali con Cie sono aumentati del 92%, raggiungendo i 35 milioni, mentre le installazioni dell’app CIEid hanno superato i 4,6 milioni (+76%).

“Un traguardo importante”

Per il Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi si tratta di un gran risultato: “Il raggiungimento dei 41 milioni di Cie emesse è un traguardo importante per la sicurezza dei cittadini italiani. La Cie garantisce un’identificazione affidabile e sicura, fondamentale nell’era digitale per proteggere l’identità e le informazioni personali dei nostri cittadini”.
“In un anno siamo passati da 32,7 a 41 milioni di Cie rilasciate. Si tratta di un dato importante, perché la CIE è una chiave essenziale per l’accesso ai servizi pubblici digitali, semplifica la vita dei cittadini e contribuisce all’efficienza amministrativa”, aggiunge il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Innovazione Alessio Butti.

WHITEPAPER
Scopri quale provider scegliere per rendere efficiente la tua infrastruttura wi-fi e wlan aziendale!
Datacenter Infrastructure Management
Software Defined Datacenter

Identità digitale centralizzata e sicura

La Cie garantisce a ogni cittadino unidentità digitale centralizzata e sicura, rilasciata direttamente dallo Stato. Caratterizzata da elementi avanzati di sicurezza e da un microchip integrato, la Cie soddisfa il massimo livello di sicurezza stabilito dagli schemi di identificazione comunitari. Si tratta di caratteristiche ne fanno uno strumento fondamentale per l’affidabilità e la protezione dell’identità digitale dei cittadini.

Come fare la Cie e a cosa serve

La Cie è documento obbligatorio di identificazione la cui emissione è riservata al Ministero dell’Interno. Definita ai sensi del DM del 23 dicembre 2015, la card è munita di elementi per l’identificazione fisica del titolare e rilasciata su supporto informatico dalle amministrazioni comunali con la prevalente finalità di dimostrare l’identità anagrafica del suo titolare. La Cie è dunque un documento amministrativo che certifica l’identità del cittadino.

La Carta di identità elettronica può essere richiesta presso il proprio Comune di residenza o presso il Comune di dimora per i cittadini residenti in Italia e presso il Consolato di riferimento per i cittadini residenti all’Estero. Per questi ultimi le modalità di rilascio sono indicate sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. La durata del documento varia secondo le fasce d’età di appartenenza.
Il microchip contactless (senza contatto) integrato nel documento rende la Cie uno strumento unico e sicuro per la verifica dell’identità del titolare e per l’accesso ai servizi online di pubbliche amministrazioni e imprese. All’interno del microchip sono memorizzati i dati personali e biometrici del titolare (foto e impronte digitali), nonché le informazioni che ne consento l’identificazione online.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3