Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL REPORT

L’hi-tech italiano al ralenti, fari puntati sul Black friday

Gfk: mercato in contrazione dell’1% nei primi nove mesi 2019, zavorrato da Tlc e elettronica audio-video. Fatturato pari a 9,9 miliardi. Sempre più forti le vendite online

20 Nov 2019

L. O.

Hand holding tablet is pressing button Logistics connection technology interface global partner connection for logistic import export background. Business logistics concept , internet of things

Alla vigilia del Black Friday rallenta il mercato italiano della tecnologia di consumo che segna un calo dell’1% nei primi nove mesi 2019. Emerge dal monitoraggio Gfk secondo cui il fatturato complessivo del periodo esaminato è pari a 9,9 miliardi di euro. La contrazione aumenta in particolare a settembre – trend negativo del 2% – in attesa dell’ultimo trimestre dell’anno, storicamente il più ricco per fatturato e che potrebbe cambiare il trend dell’intero anno (nel 2018 la settimana del Black Friday ha fatto registrare una crescita record del +42%).

In diminuzione del 3,5% le vendite nei punti vendita tradizionali rispetto ai primi nove mesi 2018, ma si conferma il trend positivo del canale online (+14,5%), che ora rappresenta il 16,1% delle vendite a valore.

Consumo hi-tech, debole il comparto telecom

Continua la performance negativa del comparto telecom che registra un calo del 3,8% e che, pur continuando a essere il più importante per fatturato complessivo del mercato italiano dei Technical Consumer Goods (38,2% del valore) fa segnare un terzo trimestre ancora negativo.

Nuova performance negativa per l’elettronica di consumo (audio-video) che registra una flessione del -6,0% rispetto allo stesso periodo del 2018. Questo comparto e quello della fotografia (-7,3%) rappresentano i due settori più negativi della Tecnologia di Consumo nei primi nove mesi dell’anno.

Decollano Home care e Home comfort

Vele spiegate per l’Home Care: cresce ancora il Piccolo Elettrodomestico (+7,8%) che arriva a rappresentare il 9,5% del totale mercato. A fine settembre si conferma positivo anche il trend del Grande Elettrodomestico (+2,1%) che guadagna importanza e arriva a pesare il 14,8% del mercato.

Ottima la performance del comparto Home Comfort (trattamento aria, condizionamento, riscaldamento) che registra una crescita del +38,3% nei primi nove mesi del 2019. La destagionalizzazione dei prodotti e una estate particolarmente lunga e calda hanno influenzato positivamente il risultato di questo segmento.

Flette anche il settore IT/apparecchiature per l’ufficio (-0,5%), confermandosi comunque il secondo settore per importanza, con una quota pari al 19,1% del totale valore del mercato.

Il canale distributivo più rilevante per fatturato sviluppato, gli Electrical Retailer (Grandi e Piccole superfici specializzate in Elettronica di Consumo), crescono del +2,0% così come i Mass Merchandiser (+1,9%) che includono anche i Pure Player Specialist. I canali specialistici fanno registrare la performance più negativa (-10,4%) penalizzati soprattutto dagli specialisti in Telefonia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

G
Gfk

Approfondimenti

C
consumi hi-tech
T
tecnologia

Articolo 1 di 4