IL FORECAST

Il 5G vale il 40% dei ricavi da reti mobili. Ma non per le telco europee

Gartner stima a 19 miliardi di dollari le revenue per i fornitori Tlc globali entro fine 2021. I guadagni maggiori per gli operatori cinesi. A fine 2024 il 60% dei provider commercializzerà servizi di quinta generazione

Pubblicato il 04 Ago 2021

Patrizia Licata

Gartner ricavi reti 5G

I ricavi delle infrastrutture di rete 5G cresceranno nel 2021 del 39% su scala globale toccando un valore di 19,1 miliardi di dollari, contro i 13,7 miliardi di ricavi raggiunti nel 2020. Lo stima il nuovo forecast di Gartner.

I fornitori di servizi di comunicazione (Csp) sui mercati maturi hanno accelerato lo sviluppo delle reti 5G l’anno scorso e continuano a lavorare quest’anno: per questo Gartner prevede che il 5G arriverà a rappresentare il 39% dei ricavi totali da infrastrutture mobili a fine 2021.

La crescita da reti mobili è tutta nel 5G

“La pandemia di Covid-19 ha spinto la domanda di connettività ottimizzata e ultra-veloce per sostenere lo smart working e le applicazioni che richiedono banda, come video-streaming, gioco online e social media”, commenta Michael Porowski, senior principal research analyst di Gartner.

WHITEPAPER
Una semplice guida pratica per imparare ad usare una Virtual Private Network
Software Defined Networking
Software Defined Datacenter

Il 5G, sottolinea Gartner, è il segmento a più rapida crescita sul mercato delle infrastrutture mobili. Dei vari segmenti dell’infrastruttura wireless analizzati per questo forecast, l’unico che offre opportunità significative di crescita per gli investimenti è il 5G. L’investimento in reti mobili legacy si sta rapidamente deteriorando in tutte le regioni, nota la società di ricerche, e la spesa in small cell non-5G è destinata a contrarsi perché le telco spostano gli investimenti verso le small cell 5G.

Per esempio, nel 2021 i ricavi da reti Lte/4G ammonteranno a 14,5 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 17,1 miliardi del 2020. Un’ulteriore flessione è prevista nel 2022 (12,1 miliardi). Al contrario, i ricavi da reti 5G l’anno prossimo sono stimati a 23,2 miliardi di dollari.

Il totale delle revenue da reti mobili quest’anno è previsto a 48,8 miliardi di dollari; nel 2022 è stimato a 49,8 miliardi.

Le telco cinesi guadagnano di più

Su scala regionale, le reti 5G frutteranno ricavi per 1,6 miliardi di dollari per i fornitori di servizi di comunicazione dell’Europa occidentale, contro 794 milioni nel 2020. Le priorità, sottolinea Gartner, sono lo sfruttamento dello spettro licenziato, l’ammodernamento delle reti core mobili e la compliance regolatoria.

In Nord America le reti 5G varrannoo 4,3 miliardi di dollari di ricavi nel 2021 (contro 2,9 miliardi nel 2020); la crescita è trainata soprattutto dall’adozione dello spectrum sharing dinamico e delle stazioni base per le onde millimetriche.

Ma è nella Greater China che i ricavi dall’infrastruttura 5G si manterranno più alti: 9,1 miliardi di dollari nel 2021 (erano 7,4 miliardi nel 2020).

5G, servizi nel 60% delle principali nel 2024

La copertura dei servizi 5G cresce gradualmente. Nel 2020 solo il 10% del fornitori telecom forniva servizi commerciali potenzialmente disponibili in più regioni, ma la quota salirà al 60% nel 2024. Si tratta di un tasso di adozione simile a quello dell’Lte/4G negli scorsi anni.

“La domanda di aziende e clienti è il fattore che influenza la crescita nei servizi“, commenta Porowski di Gartner. “Anche se i consumatori torneranno gradualmente al lavoro in sede, continueranno ad aggiornare il servizio di connettività o a migrare verso i gigabit dell’Ftth che è diventata fondamentale per lo smart working. Gli utenti continueranno a studiare i servizi offerti dalle telco per le loro necessità di lavoro in ufficio o da remoto”.

La crescita delle reti ottiche passive

Questo rapido cambiamento nel comportamento dei clienti rtaina la crescita del mercato delle reti Pon (Passive optical network) come tecnologia preferita a livello globale. La differenza di costi della 10-Gigabit-capable symmetric-Pon (Xgs-Pon) rispetto ad altre tecnologie si sta assottigliando e le telco sono pronte a investire in Xgs-Pon per differenziare la customer experience e la qualità della rete.

Gartner stima che nel 2025 il 60% dei service provider Tier-1 adotterà la tecnologia Xgs-Pon su larga scala per portare servizi di banda larga ultra-veloce agli utenti domestici e aziendali – una percentuale doppia rispetto al 2020.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!