Inwit, spunta il fondo Ardian - CorCom

TORRI

Inwit, spunta il fondo Ardian

Secondo indiscrezioni Tim e Vodafone potrebbero vendere il 25% della newco a una cordata guidata dal private equity francese. Ma c’è il nodo antitrust

24 Feb 2020

Tim e Vodafone sarebbero pronte a cedere una quota del 25% di Inwit. Secondo quanto riporta Reuters, un consorzio guidato dal gruppo francese del private equity Ardian sarebbe in prima fila per l’acquisto di una partecipazione nella società delle torri. Della cordata farebbero parte anche Credit Agricole Assurances e Canson Capital Partners e l’acquisto della quota del 25% varrebbe 2 miliardi di dollari, incluso parte del debito  di Inwit. L’accordo, sottolinea Reuters, dipende dal via libera della Commissione europea sull’operazione con cui Vodafone ha fatto confluire in Inwit la sua attività nelle torri. Il progetto di incorporazione degli asset di Vodafone in Tim attende (per il 6 marzo) la pronuncia dell’Antitrust dell’Ue.

Azionariato a tre

La cordata guidata dal fondo francese comprerebbe il 25% da Tim e Vodafone creando un azionariato a tre soggetti (Tim, Vodafone e Ardian) in possesso di quote paritetiche.

Tim possiede al momento una quota del 60% in Inwit. Dopo l’eventuale approvazione del deal con Vodafone entrambi gli operatori avranno una partecipazione del 37,5% ciascuno; Tim e Vodafone hanno però annunciato nei mesi scorsi la volontà di scendere al 25% per facilitare il sì dell’Antitrust.

Ancora in via di definizione le nuove regole di governance; probabilmente a Tim spetterà il diritto di nominare l’amministratore delegato di Inwit, che dovrebbe restare Giovanni Ferigo, mentre Vodafone sceglierà il presidente. I nuovi partner saranno presenti in cda.

L’accordo tra Tim e Vodafone

WHITEPAPER
4G e 5G: reti efficaci per una connessione affidabile e sicura
Networking
Telco

Tim e Vodafone hanno annunciato la scorsa estate l’accordo per la fusione della loro infrastruttura mobile in Italia sotto l’insegna di Inwit e una collaborazione sul roll-out delle reti 5G. La nuova Inwit sarà una vera maxico delle torri, la prima nel nostro paese e la seconda maggiore in Europa con oltre 22.000 siti in tutto il territorio italiano.

Entrando nel dettaglio dell’operazione Inwit darà attuazione alla fusione mediante incorporazione con annullamento senza concambio della partecipazione di minoranza in Vod Towers e annullamento della partecipazione di Vodafone Europe (Vod Eu) in Vod Towers. A Vodafone Europe andranno 360.200.000 azioni ordinarie di Inwit, prive di valore nominale espresso, emesse a servizio del rapporto di cambio e che saranno quotate sul Mta al pari delle azioni ordinarie di Inwit già in circolazione.

Lo scorso 14 febbraio,Tim e Vodafone hanno avanzato proposte per rispondere ad alcuni rilievi antitrust riguardanti il deal. Le due telco hanno si sono impegnate tra l’altro a mettere a disposizione, tramite Inwit, 4mila siti in otto anni agli operatori che ne faranno richiesta, garantendo accesso non discriminato, in città con oltre 35mila abitanti.

Già  allora, come riportato da CorCom, l’intenzione era di vendere il 25% della nuova Inwit ad uno o più fondi infrastrutturali, mantenendo una quota congiunta del 50,1%. Tra i soggetti interessati erano già emersi Ardian e Kkr. La cordata Ardian ora, secondo le ultime indiscrezioni, sarebbe quella vincente.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

I
inwit
T
tim
V
vodafone

Approfondimenti

5
5g
A
Antitrust
T
torri

Articolo 1 di 3