Elezioni USA 2020, dai tech miliardari pioggia di milioni di dollari pro-Dem - CorCom

LA CAMPAGNA

Elezioni USA 2020, dai tech miliardari pioggia di milioni di dollari pro-Dem

Pubblicato l’elenco delle donazioni da parte dei magnati del settore tecnologico. Il co-fondatore di Facebook Moskovitz ha messo sul piatto 24 milioni di dollari. 6 milioni da Schmidt, ex ceo di Google, e 5 milioni da Hastings, il ceo di Netflix. Ma la lista è ben più lunga

03 Nov 2020

Veronica Balocco

Sono i dirigenti tecnologici, beneficiari di un mercato rialzista da oltre un decennio, i principali donatori politici della tornata elettorale Usa 2020, che oggi arriva al culmine con le operazioni di voto. Nella maggior parte dei casi, le erogazioni hanno avuto l’obiettivo di allontanare Donald Trump dalla Casa Bianca e aiutare i democratici a prendere il controllo del Senato.

A rivelarlo è la Cnbc, che entra anche nel dettaglio delle somme donate. E rivela ad esempio che il Ceo di Asana Dustin Moskovitz, cofondatore di Facebook, ha messo sul piatto circa 24 milioni di dollari, mentre l’omologo di Twilio Jeff Lawson e sua moglie Erica hanno donato circa 7 milioni di dollari. Insieme all’ex Ceo di Google Eric Schmidt, che ha donato circa 6 milioni di dollari, sono alcuni dei principali contributori a Future Forward Usa, un super Pac dietro l’impegno presidenziale di Joe Biden.

Hastings (Netflix) il Ceo più generoso

Degli attuali amministratori delegati di società tecnologiche a grande capitalizzazione, poi, Reed Hastings di Netflix si è rivelato il più generoso: lui e sua moglie, Patty Quillin, hanno donato più di 5 milioni di dollari. La parte più consistente è andata al Senate Majority Pac, un gruppo che sostiene i candidati democratici nelle gare più vicine, come nel Maine, Texas e Iowa.

Tra i fondi per le campagne e i gruppi esterni, i dipendenti delle società Internet hanno impegnato il 98% dei loro contributi per sostenere i Democratici, secondo il Center for Responsive Politics. La California e Washington, i principali centri tecnologici, sono da tempo roccaforti dem, ma il sentiment nel settore tecnologico è ancora maggiore quest’anno a causa dell’antipatia nei confronti delle politiche del presidente Trump su immigrazione, commercio e cambiamento climatico, nonché della sua gestione della pandemia da coronavirus.

Trump e la sua amministrazione stanno letteralmente uccidendo gli americani”, ha twittato domenica il co-fondatore di LinkedIn Reid Hoffman. Hoffman, un partner della società di venture capital Greylock Partners, ha contribuito con circa 14 milioni di dollari, di cui  2 milioni al Senate Majority Pac e un milione ciascuno ai sostenitori di Biden Unite the Country e American Bridge 21st Century.

Super Pac maggiori beneficiari delle maxi-erogazioni

WHITEPAPER
Costruire agilità in modo rapido per la tua azienda: 5 passi essenziali
Digital Transformation
Storage

I contributi più consistenti vanno tutti ai super Pac, perché le leggi sul finanziamento delle campagne limitano le donazioni individuali alle campagne a 2.800 dollari per elezione. Tuttavia, grazie alla decisione della Corte Suprema Unita dei Cittadini del 2010, non c’è limite legale a quanto una persona può contribuire a un super Pac.
Mentre Hoffman può essere il venture capitalist più schietto quando si tratta di politica, anche un certo numero di importanti investitori della Silicon Valley ha firmato assegni a sette cifre. Vinod Khosla, ad esempio, ha donato un milione di dollari ciascuno al Senate Majority Pac e all’American Bridge 21st Century. Michael Moritz di Sequoia Capital ha contribuito con oltre 3 milioni di dollari, di cui 1,5 milioni a Pacronym, che si concentra sul sostegno dei Democratici in Stati strettamente contesi.

Jessica Livingston, co-fondatrice dell’incubatore di start-up Y Combinator, ha donato 5 milioni di dollari a Tech for Campaigns, che fornisce assistenza digitale e tecnica ai gruppi democratici.

Dal venture capitalist Thiel uno sforzo perdente

Il più grande finanziatore repubblicano nel campo della tecnologia quest’anno è il venture capitalist Peter Thiel, ma la maggior parte dei suoi soldi è andata a uno sforzo perdente. Thiel, che ha lavorato alla campagna iniziale di Trump nel 2016, ha contribuito con oltre 2 milioni di dollari al Pac Free Forever, dedicato all’elezione del repubblicano Kris Kobach al Senato del Kansas. Kobach ha perso alle primarie all’inizio di quest’anno.

Da Ballmer (ex Microsoft) 7 milioni di dollari pro Biden

Schmidt di Google e l’ex Ceo di Microsoft Steve Ballmer, che ora possiede i Los Angeles Clippers della Nba, sono stati tra i più generosi nel gruppo dei dirigenti tech in pensione. Ballmer ha contribuito con 7 milioni di dollari a Everytown for Gun Safety, che sostiene Biden e i candidati del Congresso che lavorano per la riforma delle armi.
Irwin Jacobs, il co-fondatore miliardario ed ex Ceo di Qualcomm, ha donato quasi 7 milioni di dollari in questo ciclo con sua moglie, Joan. I loro soldi sono andati ai gruppi democratici Senate Majority Pac e House Majority Pac. I Jacobs anche stanziato 3 milioni di dollari per Forward California, un gruppo concentrato principalmente sull’elezione della loro nipote, Sara, alla Camera dei Rappresentanti nel 53 ° distretto dello stato nella contea di San Diego. Sara Jacobs sta affrontando la collega democratica Georgette Gomez nel tentativo di succedere alla pensionata Susan Davis.

Kenneth Duda, co-fondatore della società di networking Arista, ha infine donato circa 4 milioni di dollari, principalmente ad American Bridge 21st Century e Pacronym, mentre Marc Merrill, co-fondatore di Riot Games, che è stata acquisita dalla cinese Tencent nel 2011, ha contribuito con oltre un milione di dollari a Unite America, un gruppo che sostiene i candidati al Congresso di entrambe le parti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4