Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ACCORDO

Go Internet sceglie Zte per la “migrazione” al 5G

Grazie alle base station 5G-ready l’operatore potrà estendere la rete nelle Marche e in Emilia-Romagna ed effettuare l’upgrade nel momento più consono. Colaiacovo: “Trasformazione tecnologica fondamentale”. Hu Kun: “Nuova rete sicura e all’avanguardia”

17 Ott 2019

M. F.

Estendere la rete nelle Marche e nell’Emilia Romagna e dotarsi di infrastrutture all’avanguardia e di ultima generazione per gestire al meglio la partita 5G. Questo l’obiettivo dell’accordo che vede protagoniste Go Internet e Zte, quest’ultima in campo con le proprie base stations 5G-ready che saranno utilizzate – si legge in una nota delle due aziende – in un primo momento, per completare la migrazione dal Wimax all’Lte nella regione Marche e successivamente, in modalità 5G, attraverso un “semplice” upgrade. Le nuove base stations Zte – si legge sempre nella nota – consentiranno inoltre l’estensione dell’intera rete della società con l’attivazione di nuove postazioni 5G sia nella regione Marche sia in Emilia-Romagna.

Grazie all’accordo di frequency sharing siglato nel 2018 con Linkem, le base stations Zte potranno essere utilizzate con 80 Mhz di frequenza, permettendo così di aumentare la velocità e la capacità della rete.

“L’accordo con Zte è di assoluta importanza per Go Internet nel contesto di un mercato molto orientato verso le reti 5G e consente una trasformazione tecnologica fondamentale con l’obiettivo di mantenere la società fortemente competitiva” sottolinea Giuseppe Colaiacovo, Presidente di Go Internet.

“Siamo molto onorati di servire Go Internet per il nuovo network 5G – evidenzia Hu Kun, Presidente di Zte Western Europe e Amministratore Delegato di Zte Italia – Zte li sosterrà nella realizzazione di una nuova rete tecnologica, sicura e all’avanguardia; invitiamo inoltre Go Internet e gli stakeholder del Governo italiano a sperimentare le nuove connessioni 5G nel nostro Centro di Ricerca e Innovazione a L’Aquila, e a testare e verificare le apparecchiature nel nostro Cyber Security Lab di Roma”.

Go Internet fa sapere che il 27 settembre scorso ha notificato – a seguito delle prescrizioni del Golden Power – un’informativa completa sui termini dell’accordo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. E che con decreto datato 15 ottobre sono stati esercitati i poteri speciali mediante l’imposizione alla società di specifiche prescrizioni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

G
Giuseppe Colaiacovo
H
hu kun

Articolo 1 di 3