Banda larga per la scuola digitale, in campo Linkem e Eolo - CorCom

LE INIZIATIVE

Banda larga per la scuola digitale, in campo Linkem e Eolo

Doppio progetto a sostegno della continuità formativa in tempo di Covid-19. Incontri interattivi manager-studenti per la proposta Linkem-Elis. Mentre Eolo mette a disposizione connettività gratuita per gli istituti in digital divide

27 Apr 2020

L. O.

Gli operatori di banda larga al servizio della scuola online. Sono i due in particolare i progetti lanciati a sostegno dell’istruzione in tempi di Coronavirus. Si tratta di #linkyourfuture, firmato da Linkem in collaborazione con l’ente educativo no profit Elis. E di “Progetto Scuola”, firmato Eolo, per garantire la continuità scolastica nelle zone in digital divide.

Il progetto #linkyourfuture

Inserita fra i progetti Pcto (percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento) l’iniziativa Linkem-Elis coinvolgerà l’Iiiss G. Marconi – M. Hack di Bari e l’Iiss Pacinotti-Fermi di Taranto, per un totale di 33 studenti del quarto anno. Tra le principali attività, il lancio di una challenge sull’utilizzo e lo sviluppo di servizi digitali utili anche ad affrontare il periodo di emergenza sociale che sta vivendo il Paese.

Linkem metterà a disposizione su piattaforme digitali degli studenti le testimonianze dei propri manager già entro la fine di maggio e, non appena le condizioni lo consentiranno, accoglierà gli studenti presso la propria sede di Taranto perché possano partecipare attivamente ad alcune attività aziendali e comprendere le dinamiche che ne orientano l’operatività.

“Il nostro obiettivo – dice Francesco Sortino, Direttore Marketing Linkem – è quello di trasmettere un messaggio di speranza ai giovani attraverso un progetto di lungo periodo che ci auguriamo possa generare nuove opportunità favorire la scoperta di giovani talenti tra i tanti ragazzi protagonisti dell’iniziativa. Nell’ambito dell’emergenza Covid-19, Linkem ha immediatamente individuato nella continuità della didattica uno dei principali obiettivi, insieme all’abilitazione dello Smart Working, che le reti di telecomunicazione contribuiranno a raggiungere”.

“La scuola e la formazione in genere – dice Pietro Cum, Ad Elis – devono trovare gli strumenti giusti per ispirare i ragazzi, renderli capaci di prendere in mano le proprie aspirazioni e trasformarle in un percorso di studio e in un lavoro”.

WHITEPAPER
4G e 5G: reti efficaci per una connessione affidabile e sicura
Networking
Telco

A conclusione del progetto, a settembre, Linkem offrirà presso la propria sede di riferimento, a tre studenti di ciascun istituto l’opportunità di svolgere un programma di job-shadowing, per far esplorare loro il metodo di lavoro aziendale ed eventuali opportunità di carriera. Alla fine del mese, i migliori progetti saranno poi presentati e premiati presso i due istituti.

Il “Progetto Scuola” di Eolo

Il Progetto Scuola di Eolo mette a disposizione dei presidi le proprie competenze ed esperienza e offre 4 mesi gratuiti di servizi di connettività. Vengono proposte a scuole e studenti soluzioni studiate ad hoc, che agevolino i dirigenti nella scelta dei giusti strumenti di connettività per l’insegnamento, con particolare riferimento alla tecnologia radio Fwa che rappresenta, fa sapere l’azienda, “la soluzione ideale per collegare in modo veloce ed efficace anche le zone più difficili del nostro Paese”.

Oltre al servizio di consulenza ad hoc, disponibile telefonicamente al numero 800.939.939 o tramite mail all’indirizzo progettoscuola@eolo.it, il Progetto Scuola prevede l’omaggio dei primi 4 mesi di servizio o sconti per gli abbonamenti scelti ai fini di studio.

“Da 15 anni ci occupiamo di portare Internet dove gli altri non arrivano, garantendo il diritto alla connettività ai territori caratterizzati da Digital Speed Divide grazie alla nostra tecnologia radio proprietaria Fwa  – dice Luca Spada, presidente e fondatore di Eolo -. In questo momento di cambiamento le scuole e i presidi che operano su questi territori non possono essere dimenticati o lasciati indietro e devono poter contare su una connessione adeguata a garantire la continuità del loro lavoro, fondamentale per la nostra società”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA